Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete



Addio formula esecutiva e novità in materia di sospensione del precetto, vendita delegata e custodia dell’immobile

Processo esecutivo riformato

La riforma del processo civile, la cui entrata in vigore è stata anticipata in molte sue parti, dalla legge di bilancio 2023, interessa in maniera importante anche la disciplina del processo esecutivo.

Una delle novità più rilevanti apportate al processo esecutivo riguarda l’abrogazione di ogni disposizione che si riferisce alla formula esecutiva e alla spedizione di un atto in tale forma.

Questa solo una delle novità in materia di esecuzioni in vigore dal 28 febbraio 2023, vediamo insieme quali sono le altre.

Vai allo speciale sulla riforma del processo civile

Formula esecutiva abolita

Abolita la formula esecutiva e con essa gli inutili passaggi procedurali che ingolfano anche il lavoro delle cancellerie. Il difensore del creditore può limitarsi ad apporre una semplice attestazione di conformità della copia all’originale del titolo esecutivo, a meno che ovviamente la legge non disponga diversamente.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Muta di conseguenza anche la formulazione dell’art. 478 c.p.c sulla prestazione della cauzione, nel senso che la constatazione della prestazione della cauzione da cui dipende l’efficacia del titolo esecutivo, avviene apponendo una annotazione in calce o a margine del titolo rilasciato in copia conforme o con un atto separato che va unito al titolo.

La notificazione del titolo esecutivo in copia attestata conforme all’originale diventano gli atti che precedono l’esecuzione forzata, se le legge non prevede diversamente.

Ricerca dei beni e sospensione del precetto

Sospeso il termine di efficacia del precetto se il creditore propone istanza per la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare.

Come noto il termine di efficacia del precetto è di novanta giorni (art. 481 c.p.c.) ed entro tale scadenza deve, pertanto, essere avviata l’esecuzione. La ricerca dei beni con le modalità sopra descritte è già prevista dall’art. 492-bis e la relativa richiesta, avanzata dal creditore munito di titolo esecutivo e precetto, ha effetto sospensivo.

Il termine di 90 giorni, nello specifico, è sospeso fino a quando l’ufficiale giudiziario non provvede a comunicare di avere eseguito le ricerche o di non averle potute eseguire per mancanza dei presupposti o perché il Presidente del Tribunale ha rigettato l’istanza. La sospensione però è prevista anche fino alla comunicazione del processo verbale che viene redatto dall’ufficiale giudiziario al termine delle ricerche effettuate negli archivi e nelle banche dati dell’anagrafe tributaria e degli enti previdenziali.

Deposito documentazione ipotecaria e catastale

Scende a 45 giorni il termine per il deposito della documentazione ipotecaria e catastale, per renderlo coerente con l’analogo termine previsto in relazione alla perdita di efficacia del pignoramento (art. 497).

Il termine è però prorogabile di altri 45 giorni su richiesta dei creditori o dell’esecutato. Il giudice da parte sua può concedere un termine ulteriore di 45 giorni per integrare i documenti.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La riduzione è dettata anche dal fatto che il creditore ha oggi la possibilità di venire in possesso in tempi brevi della necessaria documentazione, in particolare grazie alla possibilità di presentare certificazione notarile sostitutiva ottenibile con la consultazione telematica dei pubblici registri.

Nomina custode e liberazione dell’immobile

In relazione alla conservazione dei beni oggetto di esecuzione, i termini per la sostituzione nella custodia del bene del debitore con il custode sono di 15 giorni dal deposito della documentazione ipotecaria e catastale.

Lo stesso giudice, inoltre, ordina più rapidamente la liberazione dell’immobile pignorato non abitato dall’esecutato e dal suo nucleo familiare ovvero occupato da soggetto privo di titolo opponibile alla procedura, e precisamente al più tardi nel momento in cui pronuncia l’ordinanza con cui è autorizzata la vendita o sono delegate le relative operazioni.

Se, invece, l’immobile è abitato dall’esecutato convivente col nucleo familiare, la liberazione è ordinata al momento in cui pronuncia il decreto di trasferimento.

Delega della vendita al professionista

Rilevanti modifiche si registrano anche in tema di delega delle operazioni di vendita al professionista.

In particolare, la delega delle operazioni di vendita nell’espropriazione immobiliare avrà durata annuale, con possibilità di rinnovo dell’incarico. In tale lasso di tempo, il professionista delegato dovrà svolgere almeno tre esperimenti di vendita, sotto la costante vigilanza del giudice dell’esecuzione, che potrà provvedere alla sua sostituzione in caso di inadempimento.

Per proporre reclamo al giudice contro gli atti del professionista delegato si deve rispettare lo stringente termine di venti giorni che decorrono dal compimento dell’atto o dalla conoscenza dello stesso.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La fase della predisposizione del progetto di distribuzione, anche parziale, del ricavato si caratterizza per la presenza di maggiori garanzie (in particolare per le preventive istruzioni del giudice dell’esecuzione) e per termini certi e rapidi. Progetto che deve intendersi approvato in caso di mancata comparizione delle parti per la discussione dello stesso davanti al giudice dell’esecuzione.

Vendita diretta dell’immobile

Importante novità del processo esecutivo è rappresentata anche dalla vendita diretta nel procedimento di espropriazione immobiliare.

Se autorizzato dal giudice, il debitore può infatti vendere il bene pignorato per un prezzo non inferiore al valore indicato nella relazione di stima.

In questo caso chi presenta l’offerta di acquisto deve provvedere a depositare in cancelleria una cauzione di importo non inferiore al 10% del prezzo che viene offerto. Deve poi notificare l’istanza e l’offerta al creditore procedente e a quelli intervenuti. L’immobile è aggiudicato all’offerente quando l’offerta presentata viene dichiarata ammissibile. In caso di opposizioni all’aggiudicazione il giudice deve fissare un termine per la presentazione di offerte ulteriori. L’immobile verrà aggiudicato dal Giudice al miglior offerente.

Le altre novità del processo di esecuzione

Dal 28 febbraio 2023 sono in vigore anche le novità sui seguenti temi:

Data: 24/02/2023 14:00:00

Autore: Marco Sicolo



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze