Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


 4 min

Con il rischio recessione sempre più concreto, Schroders Capital punta su soluzioni tematiche e sostenibilità per tenere a galla il portafoglio nel mare di incertezza che attende i mercati nel 2023. Sanità ed emergenti le chiavi per estrarre valore dall’equity mentre nel debito le parole d’ordine sono tasso variabile e immobiliare

Nils Rode, chief investment officer di Schroders Capital Private Asset
Nils Rode, chief investment officer di Schroders Capital Private Asset

Crisi energetica, recessione sempre più probabile, inflazione ancora elevata, tassi di interesse a livelli quasi inediti. Il 2023 che attende i mercati finanziari promette di portare in dote agli investitori un complesso mix di sfide e minacce da affrontare. Ma, proprio in un contesto di questo tipo, adottare un atteggiamento troppo prudente rischia di rivelarsi infruttuoso: una strategia più efficace, per chi voglia realizzare buoni guadagni, può al contrario essere quella di continuare a investire focalizzandosi su trend di lungo periodo, soluzioni tematiche e sostenibilità del portafoglio. Ne sono convinti gli esperti di Schroders Capital, che vedono nei private asset lo strumento ideale per raccogliere la sfida.

“I limiti posti dall’inflazione alla capacità delle banche centrali di sostenere il ciclo economico ci portano a prevedere per i Paesi Occidentali una recessione potenzialmente estesa fino al terzo o al quarto trimestre, ma questo non giustifica un atteggiamento eccessivamente attendista”, ha detto il chief investment officer Nils Rode presentando l’Outlook 2023 della casa di fondi britannica. “Al contrario”, ha spiegato, “gli investitori devono essere consapevoli che sono proprio i periodi di crisi quelli in cui i private asset riescono a esprimere a pieno il loro valore”. Da qui, l’invito a effettuare nuovi investimenti su questa tipologia di titoli. Per il manager, infatti, non solo il mercato è cresciuto enormemente e si è fatto talmente diversificato da poter fronteggiare ogni scenario, ma le valutazioni hanno anche dimostrato grande resilienza, scendendo meno del previsto nell’equity, rimanendo invariate nel reddito fisso e addirittura salendo nel real estate.

La tenacia del private market 

Mercato azionario e mercato privato a confronto

Il rendimento del mercato azionario e di quello privato nella prima metà del 2022. Fonte: Refinitiv, Burgiss, Schroders Capital. 

Sanità e mercati di frontiera nell’equity

In un contesto in cui le maxi-acquisizioni lasceranno spazio a piccole deal e gli investimenti in fase iniziale la faranno da padrone, Schroders ritiene che le strategie azionarie suscettibili di ottenere i migliori risultati siano quelle incentrate sui settori industriali come la sanità e sui beni di largo consumo. Mentre a livello geografico, Nord America, Europa Occidentale e Cina restano le regioni più attraenti. Attenzione però anche all’India, che si distingue in termini di potenziale di crescita economica grazie alla spinta demografica, e ai mercati di frontiera. In aggiunta a ciò, ha detto Rode, “ci aspettiamo che siano molto resilienti anche gli investimenti sostenibili”. 

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Debito: tasso variabile e immobiliare le chiavi

Sul mercato del debito, la view del gestore Uk pone al centro le strategie a tasso variabile, in particolare quelle collegate a industrie non cicliche o beni sottostanti tangibili. Ciò si traduce in un focus sui prestiti diretti, che anno cedole non fisse e si caratterizzano per tasso di copertura degli interessi e rapporto loan-to-value prudenti, e debito infrastrutturale/immobiliare, da cui derivano buone opportunità di diversificazione, protezioni dai ribassi e schermatura dall’inflazione grazie alla correlazione tra affitti degli immobili e carovita. “In quanto strategia non correlata, riteniamo che anche le Insurance Linked Securities possano migliorare la diversificazione di un portafoglio investito in debito privato”, ha aggiunto Rode, precisando che “all’estremità più liquida dello spazio alternativo stanno emergendo anche i prestiti con leva”.

Cavalcare la crisi coi i megatrend

Per Schroders la scelta di puntare sui private asset risponde soprattutto alla necessità di adottare un’ottica di medio-lungo anziché di breve respiro. Ecco perché, nella strategia del gruppo, il focus su questa asset class si accompagna anche a una scommessa su quali megatrend possano ridefinire il settore. Tra quelli individuati dalla società, rientrano innanzitutto la decarbonizzazione come misura per contrastare il cambiamento climatico, lo sviluppo tecnologico e l’orientamento verso uno stile di vita sempre più sostenibile. Senza dimenticare il tema demografico e quello geografico: “La popolazione mondiale continua a invecchiare, modificando così i modelli di domanda e offerta modelli. Prevediamo che questo fattore eserciterà pressioni sui tassi di interesse reali a lungo termine”, ha detto Rode. Che ha aggiunto: “Crediamo anche che i mercati emergenti continueranno a crescere”.

Il ruolo della sostenibilità
Maria Teresa Zappia, head of Sustainability & Impact di Schroders Capital Private Asset
Maria Teresa Zappia, head of Sustainability & Impact di Schroders Capital Private Asset

“Gli investitori considerano sempre più i rendimenti finanziari e l’impatto sostenibile come due facce della stessa medaglia. Solidi modelli per incorporare la sostenibilità e l’impatto nel processo di investimento diventeranno uno standard del settore”, ha detto Maria Teresa Zappia, head of Sustainability & Impact di Schroders. Parole che ribadiscono quanto proprio le tematiche Esg rappresentino uno dei driver chiave nella view del gestore. Specie in una logica di segmentazione merceologica del portafoglio. Un esempio, per la manager, viene dalle rinnovabili del Regno Unito, il cui ritorno sicuro e collegato all’inflazione potrà “aiutare gli investitori a superare la combinazione di alti prezzi e inasprimento tassi di interesse”. Ma alla base del trend c’è anche la transizione forzata imposta nel settore energetico dalla guerra in Ucraina e proprio per questo che “molte delle opportunità di investimento infrastrutturale più interessanti si trovano in Europa”.

Vuoi ricevere ogni mattina le notizie di FocusRisparmio? Iscriviti alla newsletter!
Registrati sul sito, entra nell’area riservata e richiedila selezionando la voce “Voglio ricevere la newsletter” nella sezione “I MIEI SERVIZI”.



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze