Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Quali sono le obbligazioni migliori su cui investire soldi ora che l’inflazione sta calando? Conviene comprare obbligazioni di Stato o bancarie?

Il mercato delle obbligazioni attraversa un nuovo periodo di cambiamento con il costo del denaro che dovrebbe iniziare a diminuire già nelle prime settimane del 2024, il che si traduce in un abbassamento dei rendimenti obbligazionari.

Secondo tutti gli analisti, questo sposterà ingenti capitali nei  titoli azionari ma questo non significa che ogni bravo investitore dovrebbe avere un portafoglio titoli costituito per almeno i 2/3 da investimenti sicuri come sono appunto le obbligazioni.

Comprare obbligazioni è rischioso se lo si fa a ‘scatola chiusa’. Bisogna conoscere attentamente la situazione dello Stato o dell’azienda in cui si vuole investire per scongiurare l’eventualità che non possa onorare il debito.

APRI un Conto con Fineco e

Compra SUBITO delle Obbligazioni

Cosa sono le Obbligazioni:

IN BREVE: le obbligazioni sono dei titoli di credito ( per chi le acquista) o dei titoli di debito ( per chi le vende) . Fanno parte di quei debiti che una società o un ente pubblico emette per finanziare le proprie attività.

Le obbligazioni garantiscono all’acquirente di riscuotere l’intero capitale alla scadenza più gli interessi, per quello sono catalogate tra gli “investimenti sicuri“, cioè che non erodono il capitale investito. Qui una spiegazione più dettagliata.

Migliori obbligazioni 2024 da comprare, ecco quali sono

Il panorama degli investimenti è ormai ricco e accessibile a qualunque tolleranza al rischio, grazie alla possibilità di diversificare il proprio portafoglio, mantenendo e massimizzando anche i rendimenti. Con Economia Italia, nell’articolo di oggi scopriremo le migliori obbligazioni da comprare nel 2024, suddivise per rendimento.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Strumenti dal rischio minore rispetto all’asset azionario, che rappresentano un prestito all’emittente e che verrà ricevuto indietro assieme alle cedole, periodiche, che saranno un premio per la fedeltà dell’investitore. Detto questo occorre quindi capire, quali saranno le migliori obbligazioni di inizio anno e da dove provengono?

Cosa comprendere per investire in obbligazioni

Come avvenuto con tutto lo scenario economico, anche il panorama delle obbligazioni è stato pesantemente colpito dalla crisi degli ultimi anni, dovuta principalmente a CoViD-19 e relativi strascichi e conflitti bellici Russia-Ucraina e Israele-Hamas. Se da un lato è stato reso più difficile l’accesso a strumenti finanziari più avanzati, tra tutti i derivati, dall’altra cresce la necessità di investire in prodotti sicuri e dal rendimento certo, motivazione che ha spostato l’attenzione sulle obbligazioni.

Chiamate anche col termine inglese bond, le obbligazioni sono titoli di credito per gli investitori e di debito per le società emittenti, sono dei veri e propri prestiti, premiati con una quota d’interesse, chiamata cedola, corrisposta trimestralmente, semestralmente o annualmente, che rappresenta l’effettivo rendimento dell’obbligazione. Saranno un doppio vantaggio, perchè i proventi vengono utilizzati dagli emittenti per finanziare le loro attività.

Queste possono essere:

  • Corporate, emesse da grandi società
  • Statali, o Titoli di Stato, emesse dai singoli Stati sovrani, possono essere anche indicizzate all’inflazione
  • Parastatali, emesse da enti nazionali legati agli Stati sovrani
  • Sovranazionali, emesse da unioni di Stati continentali
  • Municipali, emesse da enti locali, città e province

Possono inoltre suddividersi in:

  • Linker, indicizzate all’inflazione nazionale o continentale, con valore che si adegua all’inflazione attraverso l’indice dei prezzi al consumo; sono emesse da Stati sovrani
  • Callable, danno all’emittente il diritto di rimborsare anticipatamente gli investitori, specie in caso di condizioni di mercato favorevoli; sono emesse principalmente da società
  • High yield, ad alto rendimento e rischio maggiore; sono emesse da società o Stati sovrani con rating inferiori a BB
  • Investment grade, sicure e stabili; sono emesse da società o Stati sovrani con rating pari o superiori a BBB
  • Subordinate, dipendono da obbligazioni ordinarie o altri asset, offrono rendimenti maggiori ma con ridotta priorità di rimborso; sono emesse da società o istituti finanziari
  • Convertibili, possono essere convertite in azioni; sono emesse da società o istituti finanziari
  • Step-up/down, dal tasso variabile crescente o decrescente in base a indici e tassi d’interesse; sono emesse da società e Stati sovrani
  • Green, connesse a temi di sostenibilità ambientale e criteri ESG; sono emesse da Stati sovrani e società

Per scegliere le migliori obbligazioni è necessario comprendere una serie di fattori, che costituiranno l’effettiva solidità dell’investimento:

  • Rating dell’emittente, accompagna ogni titolo e ogni asset, si traduce in capacità dell’emittente di rimborsare il prestito e capacità finanziaria presente e futura; un rating maggiore indica maggiore solidità
  • Mercato di riferimento, con andamenti differenti in funzione dei settori d’appartenenza
  • Interesse, rendimento dell’investimento, in forma di cedola, indicato solitamente prima della sottoscrizione del titolo; è direttamente proporzionale al rischio di perdere il capitale investito
  • Durata, a breve, media e lunga scadenza, dai 5 ai 30 anni, legata spesso alla ristrutturazione del debito; maggiore sarà la durata, maggiori saranno i rischi di perdere il proprio capitale investito

Sono investimenti caratterizzati dalla gestione passiva, rientrando tra gli strumenti più adatti a mantenere il capitale e garantire un rendimento stabile: per tale ragione sono adatte a ogni tipologia d’investitore.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

In Italia sono soggette a tassazione al 26%, eccetto i Titoli di Stato italiani che godono di un’aliquota agevolata al 12,5%.

Ecco le migliori obbligazioni su cui investire nel 2024

Prima di scegliere qualunque tipo di bond, è sempre importante analizzare le principali caratteristiche, così da valutarne la convenienza e la fattibilità d’investimento. Di seguito le migliori obbligazioni su cui vale la pena investire a inizio 2024:

Nome

ISIN

Valuta

Paese

Tipologia

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Scadenza

Rendimento annuale

Federative Republic of Brazil USD 12.25% 06/03/2030

US105756AL40

Dollaro

Brasile

Statale

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

06/03/

2030

12,25%

Republic of Turkey USD 11.875% 15/01/2030

US900123AL40

Dollaro

Turchia

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Statale

15/01/

2030

11,88%

Ifc Tf 10,75% Fb28 Brl

XS2586778115

Dollaro

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Real brasiliano

Nazioni

Unite

Sov.

15/02/

2028

10,75%

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

World Bank Green Bond Tf 9,75% Ge27 Brl

XS2431032403

Dollaro

Real brasiliano

Nazioni

Unite

Sov.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

21/01/

2027

9,75%

World Bank Sustainable BRL 9.5% 20/01/2026

XS2433833238

Dollaro

Real brasiliano

Nazioni

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Unite

Sov.

20/01/

2026

9,50%

Eib Tf 9,25% Ge27 Brl

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

XS2436920321

Euro

Real brasiliano

Europa

Sov.

28/01/

2027

9,25%

Bei ZAR 8.5% 17/09/2024

XS1110395933

Rand sudafricano

Europa

Sov.

17/09/

2024

8,50%

Telecom Italia Finance 7.75% 24ge33

XS0161100515

Euro

Italia

Corporate

24/01/

2033

7,75%

Iadb Tf 7,5% Dc24 Mxn

XS0300626479

Peso messicano

Nazioni

Unite

Sov.

12/02/

2024

7,70%

Deutsche Telekom Int Fin 7.5% C.P. 24ge33

XS0161488498

Euro

Germania

Corporate

24/01/

2033

7,50%

Btp-1nv26 7,25%

IT0001086567

Euro

Italia

Statale

01/11/

2026

7,25%

Ford Motor Tf 7,125% Nv25 Usd

US345370BN94

Dollaro

Stati Uniti

Corporate

15/11/

2025

7,13%

Btp-1nv27 6,5%

IT0001174611

Euro

Italia

Statale

01/11/

2027

6,50%

Ifc Social Bond Tf 6,5% Mz26 Brl

XS1969787396

Dollaro

Real brasiliano

Nazioni

Unite

Sov.

27/03/

2026

6,50%

Bund Tf 6,5% Lg27 Eur

DE0001135044

Euro

Germania

Statale

04/07/

2027

6,50%

Austria Tf 6.25% Lg27 Eur

AT0000383864

Euro

Austria

Statale

15/07/

2027

6,25%

Usa -T-Bond 6.25% 15mg30

US912810FM54

Dollaro

Stati Uniti

Statale

15/05/

2030

6,25%

Usa -T-Bond 6.125% 15ag29

US912810FJ26

Dollaro

Stati Uniti

Statale

15/08/

2029

6,13%

Reino de España  Obligaciones Tf 6% Ge29 Eur

ES0000011868

Euro

Spagna

Statale

31/01/

2029

6,00%

Credit Suisse Mc Ot27 Usd

XS1678838423

Dollaro

Svizzera

Corporate

09/01/

2027

6,00%

République Française Oat Ot25 Eur 6

FR0000571150

Euro

Francia

Statale

25/10/

2025

6,00%

Gie Psa Tresorerie 6% 19st33

FR0010014845

Euro

Francia

Corporate

19/09/

2033

6,00%

Adb Green Bond Tf 6% Fb26 Brl

XS2294853697

Real brasiliano

Dollaro

Nazioni Asiatiche

Sovranazionale

05/02/

2026

6,00%

Croatia Tf 6% Ge24 Usd

XS0997000251

Dollaro

Croazia

Statale

26/01/

2024

6,00%

Atlantia Spa 5.875% 06/24

XS019394565

Euro

Italia

Corporate

09/06/

2024

5,88%

Telefonica Europe 5.875% 14fb33

XS0162869076

Euro

Paesi Bassi

Corporate

14/02/

2033

5,88%

National Grid GBP 5.875% 02/02/2024

XS0094073672

Sterlina

Regno Unito

Corporate

02/02/

2024

5,88%

RWE EUR 5.75% 14/02/2033

XS0162513211

Euro

Germania

Corporate

14/02/

2033

5,75%

Republic of Portugal Tf 5.65% Fb24 Eur

PTOTEQOE0015

Euro

Portogallo

Statale

15/02/

2024

5,65%

Enel 5.625% 21gn27

XS0306646042

Euro

Italia

Corporate

21/06/

2027

5,63%

Edf 5.625% 21fb33

XS0162990229

Euro

Francia

Corporate

21/02/

2033

5,63%

Koninklijke

KPN 5.625% 30SEP24

XS0454773713

Euro

Paesi Bassi

Corporate

30/09/

2024

5,63%

Romania Fx 5.5% Sep28 Eur

XS2689949399

Euro

Romania

Statale

18/09/

2028

5,50%

Netherlands Tf 5,5% Ge28 Eur

NL0000102317

Euro

Paesi Bassi

Statale

15/01/

2028

5,50%

Petroleos Mexicanos 5.5% 24fb25

XS0213101073

Euro

Messico

Parastatale

24/02/

2025

5,50%

Landwirtschaftliche Rentenbank 5.375% 23.04.2024 NZD

NZLRBDT009C1

Dollaro neozelandese

Germania

Corporate

23/04/

2024

5,38%

Hera 5.2% 29ge28

XS0880764435

Euro

Italia

Corporate

29/01/

2028

5,20%

Generali 5.125% 16st24

XS0452314536

Euro

Italia

Corporate

16/09/

2024

5,13%

Btp-1st40 5%

 

BTP VALORE FEBBRAIO 2024

IT0004532559

Euro

Italia

Statale

01/09/

2040

5,00%

Cdp Tasso misto (5%; Euribor 3 mesi +0,9%) EUR 5% 04/12/2029

IT0005568719

Euro

Italia

Parastatale

04/12/

2029

5,00%

 

Consigli per investire al meglio in obbligazioni

Per investire in obbligazioni, che siano esse corporate, statali o sovranazionali, è sempre fondamentale analizzare la situazione, sia della realtà su cui si vuole puntare che personale, per cogliere interessanti opportunità. Di seguito i principali punti da seguire:

  • Determinare gli obiettivi d’investimento, che siano sul breve o lungo termine, o destinati a mantenimento e consolidamento oppure crescita del capitale
  • Comprendere i tipi d’obbligazioni, considerando che ogni categoria ha caratteristiche, rischi e rendimenti differenti che possono influire pesantemente sui rendimenti finali
  • Scegliere un broker online valido e riconosciuto, che dia accesso ai mercati obbligazionari globali, grazie anche a strumenti di ricerca, confronto e analisi, con la possibilità di monitorare gli andamenti costantemente
  • Conoscere le aree d’acquisto, considerando che le obbligazioni possono essere acquistate direttamente da alcuni emittenti ma nella maggior parte dei casi sul mercato secondario, attraverso banche o broker online
  • Gestire gli investimenti, comprendendo i mutamenti degli obiettivi e l’evoluzione del proprio portafoglio, che potrà essere diversificato nel tempo per ridurre rischi e incrementare guadagni

Chiudendo questo primo esame, emergono importanti realtà tra le migliori obbligazioni da comprare per il 2024, con nomi che si dividono tra enti statali, sovranazionali, parastatali e società private. Da notare che i migliori rendimenti provengono da bond governativi e sovranazionali, tra tutti Brasile, Turchia e Società finanziaria internazionale, mentre la prima corporate in ordine di rendimento proviene dall’Italia con Telecom Italia Finance.

A conti fatti, l’attuale situazione economica nazionale e internazionale, caratterizzata da caro prezzi e inflazione, ha portato all’aumento dei rendimenti obbligazionari, proprio come è successo in minor parte con Buoni Fruttiferi Postali e conti deposito, anch’essi strumenti dalla gestione passiva e semplificata.

E’ proprio questo che rende le obbligazioni particolarmente interessanti per ogni profilo d’investitore, grazie alla loro sicurezza e alle garanzie offerte da Stati sovrani e società, che riducono drasticamente i rischi di perdere il proprio capitale, seppur non eliminandoli completamente, mentre altra modalità per ridurre l’esposizione a tali rischi sarà diversificare.

In ogni caso, quando si investe in Titoli di Stato è necessario conoscere attentamente la situazione economico-politico-sociale della nazione di riferimento,

Migliori obbligazioni da comprare, investire in obbligazioni

L’investimento in obbligazioni è sempre stato molto gradito tra i risparmiatori in special modo le  obbligazioni di Stato italiane o estere.

Anche se recentemente l’interesse per l’investimento in obbligazioni era mutato per i loro interessi molto bassi dovuti ad un costo del denaro bassissimo, le ultime vicende legate alla pandemia hanno cambiato un po’ le carte in tavola, e ora le persone sono molto più interessante ai Bond Statali perché come ha fatto il Tesoro italiano, sono stati emessi titoli pluriennali con tassi di interesse di tutto rispetto.

Decisamente più interessanti invece le obbligazioni di Stato di paesi emergenti e di aziende private, che però sono più a rischio per il Nostro capitale.

Investimenti sicuri in obbligazioni

Parlare di investimenti completamente sicuri è una contraddizione in termini. Un investimento per sua natura non è mai sicuro, a meno che non sia garantito come le obbligazioni di Stato o i Buoni Postali. C’è una probabilità di trarre profitto e una possibilità di subire delle perdite. Tuttavia seguendo una disciplina ferrea e adeguate strategie, il bilancio tra utili e perdite sarà sicuramente favorevole.

Per incorrere in rischi minori, bisognerà sempre rimanere aggiornati sugli sviluppi geopolitici puntando su investimenti più sicuri. Le indicazioni da cogliere vengono dallo studio di analisi e previsioni fatte dai principali esperti del settore. Poi ogni investitore deve valutare in base alla propria condizione e convinzione.

L’affidabilità delle obbligazioni si misura attraverso il rating assegnato da apposite agenzie alla Società o agli Stati sovrani. Il rating “misura” l’affidabilità ed aiuta a valutare dove orientare gli investimenti. L’investitore deve sempre diversificare. Investire tutto su un’unica direzione può esporre a maggiori rischi.

Il settore delle high yield accusa qualche lieve colpo soprattutto per i titoli dei Paesi Emergenti e legati al petrolio. I bond governativi dell’area euro sono stabili e al minimo, più interessanti quelle emesse dagli Stati Uniti. Ma rimane – come ci dicono i dati in fondo – quello con i più alti rendimenti.

Migliori Obbligazioni italiane per il 2024

Per le saperne di più, vi invitiamo a leggere i Bond emessi dallo Stato italiano e le ultime emissioni,

Più il rischio è basso e meno i rendimenti sono profittevoli. Un mercato “vivace” comporta potenziali opportunità da cogliere dopo un’accurata valutazione selettiva. Le banche italiane, nonostante le crisi e gli scandali, sono piuttosto solide e ci possono essere obbligazioni interessanti ( ma comunque con rendimenti molto bassi ) come le obbligazioni MPS o quelle del Banco Popolare . I piani di accorpamento stanno favorendo la competitività dei gruppi e al contempo la loro solidità. Obbligazioni  Unicredit questa grande banca italiana, ha quotate una buona selezione di obbligazioni subordinate LT2 molto interessanti con struttura amortizing. Il capitale viene rimborsato in ragione di 1/5 ogni anno, compresi interessi e con cedole crescenti (step-up). Si ha così il giusto equilibrio tra durata, rendimento a scadenza e sottovalutazione.

Obbligazioni indicizzate all’inflazione, cosa sono e come funzionano?

L’inflazione è un problema sentito in modo crescente dagli italiani, che si trovano a fronteggiare spese sempre più care, mettendo a dura prova anche gli investimenti. Nell’articolo di oggi scopriremo una soluzione per difendersi, quella delle obbligazioni indicizzate all’inflazione, scoprendone caratteristiche e quelle offerte dal Governo Italiano.

Calcolate in termini reali, offrono rendimenti sull’andamento del tasso inflazionistico proteggendo i risparmi dei piccoli investitori, dando anche la possibilità di creare una rendita grazie all’aumento degli interessi, che hanno visto importanti incrementi. Comprendendone il funzionamento occorre capire, quando conviene investire in obbligazioni indicizzate?

Cosa sono le obbligazioni indicizzate all’inflazione?

Chiamate anche obbligazioni anti-inflazione, obbligazioni linker o ILB (inflation-linked bonds), le obbligazioni indicizzate all’inflazione sono una categoria di titoli di credito statali in cui il valore di rimborso e delle cedole sono calcolati sull’andamento dell’inflazione, legate quindi anche agli indici di prezzo al consumo.

Emesse da Stati sovrani o enti sovranazionali per proteggere i risparmi dei cittadini, hanno un meccanismo analogo a quello dei Titoli di Stato tradizionali rimborsando il 100% del capitale investito con l’aggiunta di interessi variabili, che cambiano proporzionalmente al tasso inflazionistico nazionale: calcolate in termini reali e non nominali, garantiscono rendimenti crescenti su medio-lungo periodo e per questo sono adatte a tolleranze minori al rischio, oltre che a diversificare il proprio portafoglio.

Hanno origine in Massachusetts, Stati Uniti, nel 1780, quando vennero introdotte per fermare la forte erosione del potere d’acquisto; entreranno nell’economia internazionale solo alla fine degli anni ’70 dal Regno Unito e, successivamente, in tutti i paesi che abbandonarono il Gold Standard. In Italia hanno trovato forte rimbombo mediatico durante l’emergenza Coronavirus.

Obbligazioni migliori da comprare su cui investire

Quali differenze tra obbligazioni tradizionali e indicizzate all’inflazione?

Sebbene abbiano un funzionamento simile alle obbligazioni tradizionali, a loro differenza le ILB forniscono già a priori un rendimento reale indifferentemente dalle variazioni dell’inflazione. Ciò non avviene con i bond comuni, che forniscono invece rendimento nominale, fisso e soggetto a erosione, ma non quello reale.

Il loro rendimento effettivo è stabilito dal tasso d’inflazione break-even, che rappresenta il differenziale tra tassi nominali e reali. E’ calcolato con la formula (1 + Rendimento nominale) / (1 + Rendimento reale): se l’inflazione sarà maggiore, le obbligazioni indicizzate avranno rendimenti maggiori con rapporto tempi giacenza/fluttuazioni mensili, in caso contrario saranno le obbligazioni tradizionali a offrire performance migliori.

Anch’esse sono disponibili in ETF dedicati, chiamati inflation-linked, che le racchiudono in panieri garantendo risparmio, ulteriore diversificazione e minor rischio.

Quali sono le obbligazioni indicizzate italiane?

Con la caratteristica intrinseca di rischio minore rispetto a Titoli di Stato comuni e bond societari, lo Stato Italiano offre tre Titoli obbligazionari indicizzati. Tutti godono di aliquota agevolata al 12,5% ai sensi del D.L. 223/2006 e del rialzo dei rendimenti deciso dal D.M. 6 luglio 2022 del Ministero dell’Economia e Finanze.

BTP Italia

Titolo indicizzato all’inflazione italiana, il BTP Italia QUI la Recensione è giunto alla sua 17a edizione, emessa a giugno 2022, rappresentando anche il suo decimo anniversario. Il suo collocamento più importante è quello di giugno 2020, mirato al rifinanziamento dall’emergenza CoViD-19, che secondo il MEF ha raccolto 22,97 miliardi di euro con 384.712 sottoscrizioni.

Dematerializzato ai sensi del D.Lgs. 213/1998, l’emissione 2022 ha durata 8 anni e offre un rendimento cedolare minimo all’1,60%, a cui va addizionato un doppio premio fedeltà di +1% diviso in:

  • +0,4% se sottoscritto nella prima fase di collocamento e mantenuto fino al 28/06/2026 
  • +0,6% se mantenuto fino alla scadenza

A questi si aggiunge anche l’evoluzione dell’inflazione nazionale, con cui può raggiungere rendimenti lordi fino al 4,6%. Non vincolato, può essere rivenduto sul mercato secondario prima della scadenza.

BTP€i

Titolo indicizzato all’inflazione dell’Eurozona, il BTP€i è stato introdotto per la prima volta a settembre 2003 ed è legato all’indice dei prezzi al consumo Eurostat tabacco escluso.

Ha durate dai 18 mesi ai 30 anni, con cedole semestrali crescenti lorde dallo 0,10% al 3,26%, mentre il capitale investito è rimborsato a scadenza in soluzione unica, calcolata con valore nominale x coefficiente d’indicizzazione alla data di pagamento cedola. Le cedole semestrali sono rivalutate sull’inflazione europea che intercorre tra data di godimento titolo e data di pagamento cedola.

BTP Futura

Titolo indicizzato alla crescita nominale del PIL italiano, BTP FUTURA QUI la recensione ha avuto la sua ultima emissione di recente e, come il nome lascia intuire, è dedicato al futuro dei piccoli risparmiatori, PMI e aziende maggiori.

L’attuale emissione ha durata 12 anni e offre una cedola crescente nel corso degli anni:

  • 0,75% fino al quarto anno
  • 1,20% dal quinto all’ottavo anno
  • 1,70% dal nono al dodicesimo anno

A questi va aggiunto anche un doppio premio fedeltà:

  • Dal +0,4% al +1,2% dopo i primi 8 anni, sul 40% della crescita media del PIL
  • Dal +0,6% al +1,8% al termine dei 12 anni, sul restante 60% della crescita media del PIL, a cui si addiziona dal +1% al +3% sulla crescita economica nazionale

I tassi definitivi non potranno mai essere inferiori ai minimi garantiti, neanche in caso di flessione del PIL.

BTP Valore

Si tratta di un nuovo tipo di BTP che viene emesso per la prima volta a Giugno dell’anno passato.

Ha una durata di 4 anni e alla sua scadenza porta con sè un premio.

Qui l’articolo dedicato al BTP Valore ISIN IT0005547390

BTP Valore febbraio 2024

Quali sono i rischi delle obbligazioni indicizzate all’inflazione?

Strumenti altamente sicuri, le obbligazioni linker presentano forti tendenze al rialzo nei periodi d’inflazione anche sostenuta, ma possono restituire fluttuazioni negative in caso di deflazione: in tali circostanze non si potrà fruire degli adeguamenti annuali effettuati dai Governi, col rischio di ridurre drasticamente i rendimenti o divenire infruttiferi.

Seppur fortemente improbabile, questi Titoli di Stato possono inoltre correre il rischio di credito, quando lo Stato emittente non è in grado di rispettare il versamento delle cedole.

Conviene investire in obbligazioni indicizzate italiane?

Davanti all’attuale situazione macro-economica, i Titoli di Stato indicizzati all’inflazione possono essere un ottimo strumento per proteggersi dall’erosione dei propri risparmi, investendo sul medio-lungo periodo con interessanti rendimenti. Il basso rischio le rende ideali per tolleranze ridotte, e può essere ulteriormente minimizzato in una strategia diversificata, anche con ETF.

A conti fatti, occorre dire però che la loro effettiva convenienza dipende altamente dal periodo affrontato: se sono maggiormente adatti in periodi d’inflazione persistenti, specialmente se mantenuti fino alla scadenza, diventano assolutamente sconvenienti se l’inflazione tende a ribassare, rendendo più redditizi i Titoli nominali. Per tale ragione, prima di investirvi è sempre necessario valutare le previsioni d’inflazione in base alla durata delle obbligazioni desiderate.

Prospettive per il 2024: quale futuro per le obbligazioni?

La cosa bella della obbligazioni di Stato è che rimane l’investimento sicuro per eccellenza.

Un investimento da cui si guadagna poco, ma da cui si rischia zero.

Le obbligazioni di Stato sono emesse dai vari stati e anche quelle italiane sono molto sicure, visto che in oltre 70 anni sono sempre state rimborsate.

Il 2024 dovrebbe iniziare con emissioni di Obbligazioni di Stato indicizate all’inflazione, magari con interessi meno alti dell’anno scorso ma comunque interessanti anche in prospettiva di un notevole calo del costo del denaro che dovremmo vedere in questo anno ( almeno in teoria)

Quindi puntare parte del Nostro capitale in Obbligazioni di Stato italiane è normale. perchè comunque avremo il capitale impiegato garantito al 100% dallo Stato italiano.

In particolare Vi consigliamo di visitare la pagina NUOVE EMISSIONI DI OBBLIGAZIONI DI STATO , dove potrete trovare le ultime obbligazioni da comprare con tassi di interesse molto interessanti.

Inflazione, debito e recupero

La buona notizia è che nella zona euro l’inflazione ha perso la sua crescita, ma è comunque ancora a due cifre.

L’inflazione è nemica degli investitori obbligazionari perché un aumento del costo della vita è solitamente seguito da tassi di interesse in aumento, rendendo i pagamenti degli interessi obbligazionari meno attraenti e allontanando gli investitori dalla classe di attività. In molti paesi, i rendimenti dei titoli di Stato sono negativi in ​​termini assoluti (ad esempio, il gilt britannico a due e cinque anni) e negativi in ​​termini reali, se si tiene conto dell’inflazione.

Questo viene combattuto dalle Banche centrali aumentando il costo del denaro: in questo modo aumentano gli interessi sulle obbligazioni di Stato rendendole di fatto più appetibili agli investitori e permettendo così allo Stato di continuare a fare il suo lavoro: fare debito, per investire soldi e far girare l’economia.

C’è da dire che su una cosa gli analisti sono tutti concordi; se in Ucraina si arrivasse ad un accordo, le sanzioni potrebbero allentarsi e l’economia potrebbe ritornare a crescere in modo sostanzioso in tutta Europa.

Le obbligazioni di Stato più redditizie sono quelle dei paesi emergenti, ma sono anche rischiose.

Il posto migliore per gli investitori a reddito fisso è al di fuori delle economie avanzate. È sempre stato così, ma sono stati evitati, per la maggior parte, a causa del rischio e del fatto che l’allentamento quantitativo ha reso gli Stati Uniti l’unico gioco in città dal 2009.

Nonostante i tassi del debito USA sono molto cresciuti e che le obbligazioni USA siano lo strumento finanziario più sicuro del mondo, le obbligazioni degli Stati in crescita sono molto appetibili in quanto hanno interessi piuttosto alti.

Ma per i singoli investitori più esperti, l’unico modo per essere ripagati nel reddito fisso è l’acquisto di obbligazioni o fondi obbligazionari che detengono il debito di governi e società straniere.

“I mercati emergenti nel 2022 saranno migliori, e sì, molte persone hanno fatto questa previsione ormai da un paio d’anni”, afferma Bob Doll, capo stratega azionario di Nuveen. Pensa che i mercati emergenti sovraperformeranno tra le classi di attività, non solo le azioni.

“Pensiamo di essere nel punto giusto in cui i mercati emergenti in grado di battere la debolezza del dollaro USA saranno la chiave per ottenere quella previsione giusta”, afferma.

L’anno scorso si è concluso con gli investitori istituzionali che si sono accumulati nel reddito fisso dei mercati emergenti, in particolare dai gestori patrimoniali europei che si occupano di disgustosi tassi di interesse negativi.

“Lo scorso anno abbiamo sovraponderato il credito dei mercati emergenti, principalmente attraverso le obbligazioni in valuta locale e abbiamo aumentato la nostra esposizione complessiva alla fine del 2019 perché pensavamo di avere sviluppi commerciali migliori e quindi un sentimento migliore per i mercati emergenti”, afferma Olivier Marciot, un gestore di fondi multi-strategia presso Unigestion, un gestore patrimoniale da 23 miliardi di dollari a Ginevra. Marciot investe ampiamente in obbligazioni, quindi sta raccogliendo indici ed evitando di essere specifici per paese o azienda.

Negli ultimi 12 mesi, gli investitori al dettaglio che detengono l’ampio fondo negoziato in titoli del debito dei mercati emergenti delle attività occidentali ( EMD ), che investe in obbligazioni denominate in dollari del Perù (rendimento dell’8,75%), dell’Indonesia (5,25%), della Colombia (7,38%) e La Russia (7,5%), solo per citarne alcuni, ha visto aumentare il suo prezzo delle azioni del 13,4% rispetto al 4% dell’ETF iShares 3-7 Year Treasury Bond.

L’innesco per una migliore prospettiva delle obbligazioni dei mercati emergenti quest’anno sarà l’ulteriore rallentamento dell’economia statunitense, qualcosa che la Banca Mondiale ha previsto questa settimana e un dollaro più debole. Un dollaro debole fa sempre bene ai mercati emergenti.

Mentre i grandi investitori monetari si allontanano dal dollaro, si stanno spostando in attività in valuta estera, ovvero reddito fisso. Questo sta facendo salire i prezzi delle obbligazioni ed è buono per il rendimento totale, che è il rendimento più l’apprezzamento (o l’ammortamento) dei prezzi delle obbligazioni.

Per i gestori di fondi e i trader ciò significa una valutazione più elevata e spread più stretti, quindi meno opportunità al rialzo per loro. Ma per gli investitori al dettaglio non interessati a tutto ciò e alla ricerca di rendimento alla fine dell’anno, possono ancora trovarlo qui.

“Penso che gli investitori faranno meglio in obbligazioni in valuta locale e forse otterranno una media del 5,25% all’anno per un’obbligazione quinquennale”, afferma Jan Dehn, responsabile della ricerca presso Ashmore Group, un grande gestore di fondi obbligazionari dei mercati emergenti con sede a Londra . “Ti siedi su questo per cinque anni e otterrai il 20% solo dai buoni sconto. Scommetto che se il dollaro si indebolisce, puoi ottenere un altro 20% oltre a quello in soli cinque anni nel solo apprezzamento del forex. Ecco dove vorrei essere “, dice.

Paesi emergenti da dove comprare obbligazioni High Yeld nel 2024

Per i grandi investitori in denaro, a Dehn piacciono i titoli societari cinesi e i titoli di stato locali. La Cina si unisce all’indice JP Morgan Global Bond a febbraio, il che significa che il peso dell’indice sulla Cina è salito al 10% in soli dieci mesi. Ciò significa che i fondi indicizzati passivi saranno sostanzialmente incaricati di acquistare. Più denaro che scorre nelle obbligazioni cinesi fa salire i prezzi delle obbligazioni. Questo non è eccezionale per il rendimento per i nuovi arrivati, ma è un esempio di come la domanda per la Cina tramite la ponderazione dell’indice sta contribuendo a guidare il rendimento totale nella giusta direzione. Chiunque detenga un’obbligazione cinese ora vedrà probabilmente il suo aumento dei prezzi delle obbligazioni.

Gli altri due favoriti di Ashmore sono i titoli di stato locali a breve termine del Brasile e il debito sovrano dell’Ecuador.

Wall Street ha valutato erroneamente un grosso rischio nel terzo trimestre durante un’eruzione di disordini politici in tutta l’America Latina. L’Ecuador è diventato molto economico per i nuovi arrivati ​​con la caduta dei prezzi delle obbligazioni. Il rischio di insolvenza è inferiore a quanto suggeriscono i prezzi delle obbligazioni, Dehn pensa ai titoli sovrani con rating B dell’Ecuador.

Non è facile per gli investitori acquistare titoli di Stato o di debito estero. Spesso arrivano con un investimento minimo di $ 100.000 o $ 1 milione. È anche più difficile diversificare se la maggior parte del capitale di investimento è destinata a un’attività.

Investi su questo per cinque anni e otterrai il 20% solo dagli interessi. Scommetto che se il dollaro si indebolisce, puoi ottenere un altro 20% oltre a quello in soli cinque anni di apprezzamento forex ”.

Jan Dehn, capo della ricerca, Ashmore Group

Gli investitori al dettaglio con molto meno denaro da mettere in opera hanno bisogno di fondi comuni di investimento per questo commercio, oppure i principali ETF come EMD e iShares JP Morgan Emerging Market Local Currency Bond Fund (LEMB).

Nel frattempo, i gestori di fondi comuni di investimento obbligazionari e multiasse hanno diversi prodotti a reddito fisso tra cui scegliere man mano che il mercato cresce.

Dal 2009, la dimensione del mercato obbligazionario corporate dei mercati emergenti denominati in dollari è passata da 240 miliardi di dollari a 1,1 trilioni di dollari di oggi. Il mercato delle obbligazioni societarie statunitensi è raddoppiato a  6,1 trilioni di dollari.

Il numero di paesi rappresentati nell’indice JP Morgan Corporate EM Bond è passato da 34 a 55 nell’ultimo decennio. La classe di attività è diventata sempre più diversificata, quindi gli investitori al dettaglio possono scegliere un fondo obbligazionario onnicomprensivo e dormire meglio di notte rispetto all’investitore che ha acquistato l’Argentina due anni fa.

Obbligazioni societarie High Yield dei mercati emergenti

Negli ultimi cinque anni, gli investitori che hanno acquistato debito societario ad alto rendimento dei mercati emergenti hanno realizzato un rendimento complessivo del + 36,5%. Solo il capitale USA ha fatto meglio.

Il debito societario di livello investment grade al di fuori degli Stati Uniti è salito e le loro controparti statunitensi, rispettivamente del 26% e del 27%. Gli investitori a reddito fisso non devono immergersi nella qualità del credito per essere pagati.

“Un’allocazione alle società dei mercati emergenti, in particolare in combinazione con l’esposizione azionaria dei mercati emergenti, può offrire protezione sia del rendimento che del ribasso”, scrive gli specialisti del portafoglio TCW guidati da Anisha Goodly in una nota ai clienti questa settimana.

Un altro modo di investire

Morgan Harting, un gestore di fondi per la strategia multiasset dei mercati emergenti dell’Alleanza Bernstein, ritiene che gli investitori a reddito fisso che desiderano ancora i giorni dei CD bancari al 5% qui a casa staranno meglio semplicemente tenendo un portafoglio titoli globale di obbligazioni dei mercati emergenti e azioni che pagano dividendi .

“Se investi in reddito fisso, puoi preservare il rendimento e ottenere un rendimento di circa il 5% o più in questo modo. Abbiamo circa un quarto del fondo in obbligazioni e acquistiamo azioni di dividendi e crescita “, afferma. “Un portafoglio di obbligazioni è migliore perché il massimo vantaggio è quello di recuperare i tuoi soldi più il rendimento. Quello che mi piace di un approccio multiasset al reddito fisso globale è che hai più fonti di reddito – da dividendi e rendimenti obbligazionari, oltre alla valuta. È un altro modo per entrare e sarà sicuramente più accessibile di quello che le grandi istituzioni possono comprare. ”

Termini finanziari da conoscere quando si parla di obbligazioni:

  • Obbligazione : uno strumento finanziario che funge da cambiale tra l’emittente e l’investitore, in genere a un tasso di interesse fisso. Le offerte del governo degli Stati Uniti sono chiamate Treasury, mentre le obbligazioni societarie sono emesse da singole società.
  • Valore nominale: il prezzo iniziale dell’obbligazione, diciamo 1.000 euro, chiamato anche valore nominale o capitale.
  • Tasso della cedola: il tasso di interesse di un’obbligazione che determinerà i pagamenti all’investitore, espresso in percentuale.
  • Data di scadenza: la data alla quale il capitale dell’obbligazione deve essere interamente rimborsato, pena il rischio di default.
  • Rendimento alla scadenza: indica agli investitori quale sarà il loro ritorno sull’investimento, se un’obbligazione viene detenuta fino al rimborso del capitale.
  • Rischio di credito: le possibilità che un emittente non sia in grado di rimborsare il capitale, a causa di problemi finanziari come il fallimento.
  • Investment grade: obbligazioni di qualità superiore che presentano un basso rischio di insolvenza. Le obbligazioni di qualità inferiore in genere offrono rendimenti più elevati ma comportano un rischio maggiore.

Concetti generali sulle obbligazioni:

Obbligazioni di Stato italiane

Obbligazioni CDP

Obbligazioni Corporate, obbligazioni bancarie ed estere

 

Massy Biagio

Fondatore di Economia-Italia.com nel 2014 trader e pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l’Università di Perugia.

Ha collaborato con diverse testate online, in cui ha scritto di economia e finanza fin dal 2007.





Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze