Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


diPaola D’Amico

L’associazione di Paolo Kessisoglu e Silvia Rocchi a fianco dell’ospedale Niguarda. Autolesionismo e sofferenza psichica. L’iniziativa solidale ha coinvolto anche Ambra, Diodato, Littizzetto e altri: raccolti 90mila euro

Si tagliano, graffiano, ustionano, si feriscono gambe e braccia con lamette, temperini, punte di vetro. Lo fanno per placare una tensione insopportabile, ridurre una sofferenza psichica e mentale indicibile a parole. Forme di autolesionismo in crescita esponenziale tra i giovanissimi. Segni lasciati da gesti autodistruttivi come urla di dolore senza voce. Aglaia Vignoli, 54 anni, milanese, responsabile della Neuropsichiatria dell’infanzia dell’ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano e docente di neuropsichiatria alla Statale, spiega che accanto alle problematiche emergenti, all’aumento dei disturbi dello sviluppo, all’autismo, «stiamo osservando un cambiamento epidemiologico dei disturbi dei nostri bambini e adolescenti. Evidenziato già prima della pandemia, nella fascia 14-18 anni, ma ora in progressivo anticipo tra i più piccoli. Mentre le richieste di aiuto ai nostri ambulatori e di accesso al pronto soccorso sono cresciute del 300 per cento». A ciò si aggiungono i tentati suicidi e i suicidi.

Perciò il reparto di Neuropsichiatria infantile e adolescenziale di Niguarda ha bisogno di sostegno. Come quello che da un anno è garantito dall’associazione «C’è da fare», fondata dall’attore Paolo Kessisoglu e da Silvia Rocchi proprio per contrastare le diverse forme di ritiro sociale, disagio psicologico e neuropsichiatrico nei giovani. Per festeggiare l’anno dalla Fondazione la onlus ha organizzato una Charity Dinner con la partecipazione e il contributo di artisti e personalità (Ambra, Diodato, Fabio Fazio, Luciana Littizzetto, Cristina Parodi, Chiara Maci, Davide Oldani, Fabio Novembre) e con l’asta sono stati raccolti 90mila euro. «Guardando i primi passi fatti e quello che, mattoncino dopo mattoncino, stiamo provando a costruire – ha detto l’attore – posso dire che un bel po’ di strada è stata fatta. Certo, come ci ricorda il nome della associazione, il lavoro non è mai finito. Ma se penso ai progetti che siamo riusciti a mettere i piedi in questi mesi e alle persone, ai tanti supporter che ci hanno dato fiducia, sento che siamo sulla strada giusta per costruire qualcosa che possa davvero fare la differenza e portare sollievo nella vita dei ragazzi e delle ragazze. Tra gli adolescenti c’è un livello di stress psicologico e disagio importante e spetta a noi adulti fornire loro gli strumenti per superarlo».




















































Dallo scorso gennaio, proprio grazie al progetto «C’è da fare Safe Teen», gli esperti del Niguarda hanno potuto prendere in carica con un programma ad hoc dieci giovanissimi, triplicando i colloqui psicologici. Con un piano di intervento intensivo «che vogliamo dimostrare scientificamente», spiega la dottoressa Vignoli: «In risposta all’aumento della domanda di aiuto abbiamo potenziato molto l’attività clinica rivolta a questi giovani. Per dedicare più risorse a questo ambito, abbiamo anche dovuto cambiare la nostra organizzazione interna. Ma le risorse sono sempre le stesse. E quello che siamo in grado di dare a questi giovani pazienti oltre alla visita sono colloqui psicologici ma con frequenza molto limitata, quattro accessi al mese. Invece, grazie al progetto di “C’è da fare” gli interventi sono passati da quattro a dodici. E siamo anche in grado di fare un intervento sistemico, coinvolgendo la famiglia. Questo aspetto, dare ascolto e indicazioni su come comportarsi a livello familiare, senza risorse sarebbe impossibile da realizzare. Invece è un tassello importante del percorso di presa in carico di ragazze e ragazzi, anche per ridurre il rischio di ricovero, per intervenire nel post ricovero, per evitare ricadute o l’invio in comunità».

La percentuale dei giovanissimi con problemi neuropsichiatrici è del 15 per cento. A Niguarda la Neuropsichiatria infantile ne ha in carico tremila; circa 500 ogni anno sono indirizzati ai servizi ambulatoriali e il 10 per cento «ha un grado di severità che richiede un intervento intensivo. Il nostro progetto – conclude la dottoressa Vignoli – ha l’ambizione di diventare un modello replicabile in altre strutture. Per realizzarlo però è fondamentale l’aiuto di “C’è da fare”, perché ci consente di reclutare specialisti, educatori, terapisti della riabilitazione, psicologi così da integrare il nostro team. E nel caso dei “ritirati” possiamo intervenire anche a domicilio».

30 maggio 2024

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui