Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Da pochi giorni, l’Aula del Senato ha approvato la conversione in legge del DL 39/2024 cd. Decreto Stop Superbonus. Il testo è passato di nuovo dalla Camera per la sua approvazione definitiva il 23 maggio.

Tra le oltre 40 modifiche legislative intervenute in quattro anni in materia di Superbonus, quelle di maggior impatto sociale ed economico, bollinate dal Senato lo scorso giovedì, attengono al cd. “ Spalma-detrazioni ” per le spese del superbonus sostenute nel 2024 da ripartire retroattivamente in dieci anni e non più in quattro. Non meno rilevante è lo stop, dal 2025, alla facoltà per le banche di compensare con i debiti previdenziali le rate legate ai crediti di imposta. Vi è, poi, un riferimento al taglio del bonus ristrutturazioni e nuovi fondi perduti per 135 milioni per terremotati e terzo settore. Nonché ai controlli dei Comuni estesi a tutte le agevolazioni.

In tali termini, l’assetto fortemente restrittivo per tutte le possibilità residue di trasferire gli sconti fiscali previsto nel testo dell’originario decreto legge, è stato confermato quasi completamente. Da ora in poi si potranno completare solo le operazioni di cessione del credito e sconto in fattura già in corso. Gli effetti di questo “stop” potrebbero essere accelerati e amplificati dall’andamento che probabilmente il mercato prenderà nei prossimi giorni. Banche e intermediari finanziari, infatti, si preparano da subito a bloccare gli acquisti di crediti, come annunciato dall’ABI, anticipando le scelte normative del Governo e del Parlamento. È l’effetto di una delle previsioni più dure, inserite in fase di conversione nel testo: quella che vieta alle banche, agli intermediari finanziari e alle assicurazioni di compensare tutti i crediti fiscali, a partire dal 2025, con debiti contributivi e previdenziali.

Secondo una stima Ance, attraverso l’emendamento al DL Stop Superbonus saranno interessati almeno 16 miliardi di cantieri aperti. Ad essere coinvolti saranno i professionisti che hanno prestato le loro attività che a causa della mancata liquidità non vedranno corrispondersi i propri compensi. L’effetto sulle imprese è ovviamente evidente.

In linea generale, si verrebbe a creare un’ulteriore ondata di esodati da Superbonus accompagnata inevitabilmente da una valanga di contenziosi e di risoluzioni di contratti già conclusi. I problemi, infatti, non riguardano soltanto le criticità possibili nei rapporti tra imprese e committenti ma anche quelle che potrebbero nascere tra istituti di credito o intermediari e chi ha intenzione di cedere i crediti.

A titolo esemplificativo, uno degli scenari a rischio è quello di chi ha un cantiere con superbonus in corso, avviato lo scorso anno, da chiudere con lavori pagati nel 2024, per il quale ha già concluso un contratto con un soggetto che a sua volta si è impegnato a comprare i bonus. Senza l’emendamento del Governo, il cantiere potrebbe procedere e le agevolazioni verrebbero comprate a un prezzo già concordato tra le parti e legato al recupero in quattro anni (in genere, l’85% dell’importo nominale dello sconto). Con lo Spalma-crediti, i bonus diventerebbero rateizzabili in dieci anni e, quindi, andrebbero comprati a un prezzo differente, più basso di circa il 15 per cento.

Oltre all’effetto di svalutare i crediti nei bilanci delle banche, questo taglio si tradurrà in uno stravolgimento degli adempimenti previsti originariamente dal contratto, con effetti difficili da prevedere. I contratti potrebbero essere semplicemente modificati, oppure – ed è questo lo scenario peggiore – potrebbero essere risolti, a causa di una modifica sostanziale del contesto nel quale era stato inizialmente sottoscritto. I titolari dei crediti si troverebbero con sconti fiscali di difficile smaltimento o di cessione terzi. Sullo sfondo resta elevato il pericolo di nascita di contenziosi.

Infine, è facile pronosticare nei prossimi mesi un rapido svuotamento del mercato dei compratori di crediti fiscali, causato dalle incertezze ormai continue del contesto di regole. Chi, quindi, vorrà effettuare cessioni, anche con la rateizzazione in dieci anni, rischia di trovarsi senza interlocutori e, quindi, senza possibilità di utilizzare gli sconti. E solo chi avrebbe un’adeguata capienza fiscale potrebbe ricorrere all’alternativa dell’utilizzo dei crediti maturati in detrazione, ma senza più la possibilità di monetizzare immediatamente e dovendo aspettare la dichiarazione dei redditi e quella degli anni successivi.

Lo scenario sopra prospettato va ad aggiungersi alle altre cause scatenanti le liti in materia che, con la conversione in Legge del D.L. in parola vedranno acuirsi, continuo mutamento della normativa di riferimento, aumento dei prezzi di materiali, cd. “crediti incagliati”, blocco dei cantieri, lavori non terminati, professionisti coinvolti non pagati, controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate. Una “lotta di tutti contro tutti”, visto che ad essere coinvolti sono i proprietari, i condomini, gli amministratori di condominio, le banche, i professionisti e naturalmente le imprese.

_____
*A cura dell’Avv. Mario Benedetti, Partner di BLB Studio Legale

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui