Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


ANDAMENTO DEL PRIVATE BANKING

Loading…

Intermediazione

Dal mondo dell’Investing al Brokerage. Quest’ultimo, e al netto della volontà di espandersi in valore assoluto in tutte le tre aree, è la divisione -insieme all’Investing -che per Fineco ha la priorità. Qui le commissioni nette, sia alla fine del 2023 che al 31/3/2024, sono risultate superiori a quelle dell’intero 2022 e del primo trimestre dello scorso anno. È un duplice andamento da cui può desumersi che le “net fees” del 2024 saranno superiori a quelle del 2023? Fineco, in primis, sottolinea che – a fronte della variabile dei mercati – non è possibile offrire guidance precise. Ciò considerato, però, l’istituto si aspetta, più in generale, che i ricavi del Brokerage rimangano forti con un “floor” strutturalmente più alto rispetto a quello del periodo antecedente al Covid.

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO

Loading…

Il Banking

Fin qui alcune considerazioni riguardo all’andamento dell’Investing e del Brokerage. Il risparmiatore, tuttavia, volge lo sguardo anche verso il Banking. Nel 2022 il mondo “bancario” è stato contraddistinto da un’accelerata. La spinta è stata dovuta, in scia alla stretta di politica monetaria della Bce e al contestuale balzo dei tassi di mercato, all’incremento del margine d’interesse. La voce contabile si era assestata a quota 332,6 milioni nel 2022 ed è arrivata a 673,3 milioni al 31/12/ 2023. Più deboli, al contrario, le commissioni nette le quali sono passate da 56,2 milioni (2022) a 55,3 milioni (2023). Il trend, a ben vedere, è proseguito nel primo trimestre dell’esercizio in corso. Il Net interest income è risultato di 172 milioni (154,9 un anno prima) mentre le “net fee” sono state 12 milioni (14,6 nel primo trimestre del 2023). A fronte di un simile contesto – e tenendo in conto che presumibilmente la Banca centrale europea potrebbe avviare la riduzione del costo del denaro dall’inizio della seconda metà dell’anno – il risparmiatore si domanda quali siano le prospettive del margine d’interesse stesso. Su questo fronte Fineco, che analogamente al Brokerage non offre guidance, indica che il “net interest income” è visto stabilizzarsi. Riguardo, poi, alle “banking fees” l’istituto sottolinea come queste siano attese stabili rispetto al 2023.

La frenata economica

Già, il 2023. Nello scorso esercizio i tassi di riferimento sono saliti, inducendo (anche) la frenata, seppure a macchia di leopardo, in Europa. Una congiuntura debole la quale – è il timore del risparmiatore – può portare a problemi economici in capo alle famiglie. Una situazione che, inducendo difficoltà finanziarie, rischia di impattare la qualità del credito di Fineco. L’istituto non considera reale il pericolo. Dapprima, viene ricordato, il lending è un’attività secondaria. Inoltre, dice sempre la società, i prestiti sono realizzati con prudenza e solo alla clientela del gruppo. Infine, conclude Fineco, il Costo del rischio di credito da un lato, al 31/3/2024, è di 5 punti base; e, dall’altro, è stimato muoversi nel 2024 tra 5-10 basis points. Cioè: numeri valutati assolutamente bassi e soddisfacenti.

Dal credito all’efficientamento. Quest’ultimo è tra le priorità di Fineco. Nonostante gli oneri operativi, nell’esercizio in corso, siano previsti aumentare di circa il 6% (al netto delle spese per Fam e marketing), il Cost/income – sempre sul 2024 – è stimato al di sotto del 30%. Cioè, un valore considerato di soddisfazione e che, seppure indirettamente, consegue anche alla ricerca di maggiori efficienze. Il tema è trasversale e, tra altre cose, sfrutta la stessa Artificial Intelligence (AI). Un esempio? L’acquisizione di clienti sul digitale: il costo, grazie alla nuova tecnologia, cala del 23%. Non solo. Possono ricordarsi, anche, controlli e analisi per prevenire frodi. Oppure il rilevamento delle anomalie. Un fronte dove, di nuovo, l’AI – seppure il suo uso in generale sia graduale – dà il contributo. Insomma: Fineco guarda al continuo efficientamento, anche puntando sullo sviluppo tecnologico. Quell’innovazione la quale, vista la stessa accelerazione legata all’AI generativa, potrebbe indurre qualche ritardo a Fineco stessa. Su questo fronte l’istituto professa tranquillità. In primis perché, è l’indicazione, la società da sempre ha fatto dell’evoluzione tecnologica un suo atout. Poi perché, sviluppando in casa le soluzioni hi tech, l’istituto ha il pieno controllo delle medesime. Infine perché – dice l’azienda – l’essere “first mover” in simili settori non sempre è positivo. In conclusione, quindi, il gruppo non vede particolari problemi sul tema in oggetto.

L’andamento del titolo

L’analisi tecnica del titolo

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui