Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Il bonus tende da sole 2024 è un’agevolazione messa a disposizione di privati e aziende che desiderino proteggere la facciata della propria abitazione dagli effetti dannosi dei raggi solari. Disponibile già da qualche anno, anche per il 2024 è stato rinnovato il Bonus tende, zanzariere e persiane che si esprime in una detrazione IRPEF o IRES (a seconda del profilo del richiedente) pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e la successiva installazione di questi dispositivi. I benefici fiscali si aggiungono a quelli che riguardano il miglioramento del rendimento energetico dell’immobile nonché la diminuzione del costo dell’energia in bolletta.

Come funziona il bonus tende da sole 2024?

Il Bonus Tende da Sole 2024 è una misura volta a migliorare l’efficienza energetica degli edifici attraverso l’installazione di schermature solari. Questa agevolazione fiscale permette di detrarre il 50% delle spese sostenute, fino a un massimo di 60 mila euro (per una spesa, quindi, di 120 mila euro), per l’acquisto e l’installazione di tende da sole e altri sistemi di schermatura, quali veneziane o tende a rullo, che contribuiscono a ridurre il surriscaldamento degli ambienti interni. È importante sottolineare che il tetto massimo fissato a 60 mila euro è da intendersi come riferimento alla singola abitazione e non al contribuente che lo richiede.

La detrazione del 50% può essere fruita in detrazione IRPEF o IRES. La detrazione IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) si applica ai cittadini e alle famiglie che effettuano interventi che beneficiano di agevolazioni fiscali, come l’installazione di schermature solari. Il meccanismo prevede che il beneficiario possa detrarre una percentuale delle spese sostenute direttamente dalla propria imposta sul reddito. Nel caso del Bonus Tende da Sole 2024, questa detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, distribuita in dieci quote annuali di pari importo.

La detrazione IRES (Imposta sul Reddito delle Società), invece, si applica alle imprese che effettuano interventi idonei a fruire del bonus. Anche in questo caso, la percentuale di detrazione e il meccanismo di ripartizione annuale sono simili a quelli previsti per l’IRPEF, ma applicati al contesto fiscale aziendale.

È essenziale che il contribuente o l’azienda che vuole fare richiesta abbia effettuato il pagamento tramite bonifico bancario parlante o con carta di credito in modo da poter attestare l’effettivo pagamento per il bene di cui si vuole chiedere la detrazione.

Possono quindi accedere al bonus tende 2024 i seguenti soggetti:

  • proprietari e nudi proprietari;
  • titolari di usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • locatari o comodatari (con il consenso del legittimo possessore);
  • soci di cooperative sia divise che indivise;
  • imprenditori individuali e soggetti che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari) per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;

Da non dimenticare che anche gli istituti autonomi per le case popolari rientrano tra i potenziali beneficiari del bonus tende 2024.

Bonus tende 2024: i requisiti

Per accedere al bonus tende 2024, è necessario soddisfare specifici requisiti legati sia alle caratteristiche dell’edificio che alle specifiche tecniche delle schermature solari installate.

Una prima categoria di requisiti riguarda gli edifici: solo quelli già esistenti e regolarmente accatastati alla data di inizio dei lavori sono ammissibili al bonus. Gli edifici devono essere in regola con il pagamento di eventuali tributi. Il bonus è applicabile sia a edifici residenziali che non residenziali, includendo le abitazioni private, condomini e strutture ricettive.

Bisogna poi considerare anche le caratteristiche delle schermature:

  • orientamento, le tende da sole devono essere installate con un orientamento che massimizza l’efficacia della schermatura solare, tipicamente a sud, est, ovest, sud-est o sud-ovest. Non sono ammessi incentivi per tende orientate a nord, nord-est e nord-ovest;
  • tipologie di tende ammissibili, come tende verticali, a rullo, a bracci pieghevoli o rotanti, veneziane, e ombreggianti per lucernari.
  • efficienza energetica, le schermature devono contribuire al miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio. È richiesto un valore del fattore di trasmissione solare totale (gtot) uguale o inferiore a 0,35, valutato secondo la norma UNI EN 14501.

Le spese ammissibili per il bonus tende 2024 comprendono l’acquisto e l’installazione delle schermature solari, le opere murarie necessarie per la loro installazione, e l’eventuale rimozione delle schermature preesistenti. È previsto un tetto massimo di spesa di 60.000 euro per intervento, con un costo massimo consentito per metro quadrato di schermatura.

Bisogna porre grande attenzione a richiedere e conservare la documentazione funzionale a poter accedere a questa agevolazione:

  • documentazione fiscale: è necessario effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o postale parlante, indicando la causale del versamento, i codici fiscali del beneficiario della detrazione e del fornitore;
  • comunicazione ENEA: dopo il completamento dei lavori, è obbligatorio inviare una scheda descrittiva degli interventi all’ENEA entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori o dal collaudo delle opere.

Differenze con gli anni precedenti

Non è il primo anno che gli italiani possono usufruire del bonus tende da sole, ma per questa Legge di Bilancio ha introdotto alcune differenze rispetto al bonus tende da sole 2023 e soprattutto il bonus tende da sole 2022.

A partire dal 2024, l’agevolazione per l’acquisto e l’installazione di tende da sole e altre schermature solari consiste esclusivamente in una detrazione IRPEF del 50% ripartita in 10 quote annuali di pari importo: questo significa che il rimborso non sarà immediato, ma verrà recuperato in dichiarazione dei redditi nel corso di 10 anni.

La Legge di Bilancio 2023 ha infatti eliminato la possibilità di sconto in fattura e cessione del credito per quasi tutti i bonus edilizi, compreso il Bonus Tende da Sole.

Quando scade il bonus per le tende da sole?

La scadenza per il bonus tende 2024 è stata fissata per il 31 dicembre 2024. Entro quella data è categorico che il cittadino o l’azienda abbiano acquistato e completato i lavori relativi alle tende.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui