Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Il nuovo decreto sulla riforma fiscale, approvato in esame preliminare nella seduta del Consiglio dei Ministri del 30 aprile 2024, interviene tra l’altro sul reddito da lavoro dipendente. In particolare amplia le componenti escluse dalla formazione del reddito di lavoro dipendente elencate dall’art. 51 del TUIR (Testo Unico Imposte sul Reddito).

Ricordiamo che la definizione di redditi da lavoro dipendente è quella contenuta nell’art. 49 del TUIR, ai sensi del quale, per tale si intendono:

quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro.

Costituiscono, altresì, redditi di lavoro dipendente le pensioni di ogni genere e gli assegni ad esse equiparati e le somme di cui all’art. 429, ultimo comma, del codice di procedura civile.

La composizione del reddito da lavoro dipendente

Il successivo art. 50 del TUIR indica poi quelli che sono i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che, quindi, subiscono lo stesso trattamento fiscale. Tra tali ad esempio, rientrano:

  • i compensi percepiti, entro i limiti dei salari correnti maggiorati del 20 per cento, dai lavoratori soci delle cooperative di produzione e lavoro, delle cooperative di servizi, delle cooperative agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e delle cooperative della piccola pesca;
  • le indennità e i compensi percepiti a carico di terzi dai prestatori di lavoro dipendente per incarichi svolti in relazione a tale qualità, ad esclusione di quelli che per clausola contrattuale devono essere riversati al datore di lavoro e di quelli che per legge devono essere riversati allo Stato;
  • le somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o di addestramento professionale, se il beneficiario non è legato da rapporti di lavoro dipendente nei confronti del soggetto erogante;
  • i compensi per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale (SSN);
  • ecc.

Le esclusioni

Il TUIR prosegue con l’art.

51 che indica le voci che concorrono a formare il reddito da lavoro dipendente e quelle escluse. Ad esempio, non concorrono a formare il reddito:

  • i contributi previdenziali e assistenziali versati dal datore di lavoro o dal lavoratore in ottemperanza a disposizioni di legge;
  • i contributi di assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o dal lavoratore ad enti o casse aventi esclusivamente fine assistenziale in conformità a disposizioni di contratto o di accordo o di regolamento aziendale;
  • le somministrazioni di vitto da parte del datore di lavoro nonché’ quelle in mense organizzate direttamente dal datore di lavoro o gestite da terzi;
  • le prestazioni di servizi di trasporto collettivo alla generalità o a categorie di dipendenti; anche se affidate a terzi ivi compresi gli esercenti servizi pubblici;
  • le mance percepite dagli impiegati tecnici delle case da gioco (croupiers) direttamente o per effetto del riparto a cura di appositi organismi costituiti all’interno dell’impresa nella misura del 25% dell’ammontare percepito nel periodo d’imposta;
  • ecc.

Le voci esclusi dal reddito lavoro dipendente: novità

Ebbene, il nuovo decreto sulla riforma fiscale del 30 aprile 2024, incrementa l’elenco di ciò che non concorre a formare i redditi da lavoro dipendente. In dettaglio, il provvedimento indica che non vi concorrono nemmeno

i contributi e premi versati dal datore di lavoro per i familiari a carico dei dipendenti per prestazioni, anche in forma assicurativa, aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, o aventi per oggetto il rischio di gravi patologie.

Non si tratta dell’unica misura di favore che il decreto prevede in favore dei lavoratori dipendenti.

Spicca anche il nuovo bonus befana 2025. Ossia la nuova indennità una tantum che sarà erogata in busta paga a gennaio 2025 a chi rispetta determinati requisiti reddituali e familiari.

Riassumendo

  • la definizione di reddito da lavoro dipendente è contenuta nell’art. 49 del TUIR
  • l’art. 50 TUIR indica i redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente
  • le voci che concorrono a formare il reddito da lavoro dipendente e quelle escluse sono elencate dall’art. 51 del TUIR
  • il nuovo decreto sulla riforma fiscale del 30 aprile 2024 amplia le componenti escluse dalla formazione del reddito dipendente.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui