Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Con la Legge 104 si paga il superbollo? Tra le esenzioni previste da questa normativa rientra anche il pagamento della tassa sulle auto con elevata cilindrata? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie su Legge 104, invalidità civile, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Con la Legge 104 si paga il superbollo?

Le persone con disabilità affette da condizioni che limitano seriamente la loro capacità di camminare hanno diritto a determinate agevolazioni fiscali per facilitare la loro mobilità, come l’acquisto di un’auto con un’aliquota IVA ridotta al 4% o l’esenzione dal pagamento del bollo auto.

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che quest’ultimo beneficio si applica esclusivamente a veicoli che soddisfano specifici criteri, gli stessi necessari per l’acquisto con IVA agevolata. In particolare:

  • Le auto a benzina devono avere un motore che non supera i 2000 centimetri cubici di cilindrata.
  • Le auto diesel o ibride devono avere un motore che non supera i 2800 centimetri cubici di cilindrata.
  • Le auto elettriche non devono avere una potenza superiore ai 150 Kw.

Inoltre, è importante notare che il superbollo, un’addizionale del bollo auto applicata a veicoli con una potenza superiore ai 185 kilowatt, non è dovuto quando il veicolo è esente dal bollo auto principale.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Acquista la nostra Guida Completa ai Permessi della Legge 104 oppure approfitta del pacchetto premium da 2 guide. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Questo perché l’addizionale segue le stesse regole di esenzione del bollo principale.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Come si richiede l’esenzione dal pagamento bollo auto in base alla Legge 104?

Le persone con disabilità che vogliono beneficiare dell’esenzione dal bollo auto devono inizialmente fornire la documentazione richiesta all’ente competente, che può essere consegnata di persona o inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

Questa procedura deve essere completata entro 90 giorni dalla data in cui il bollo auto sarebbe dovuto essere pagato.

Solitamente, la richiesta per ottenere l’esenzione va presentata all’Ufficio Tributi della propria Regione di appartenenza. Tuttavia, se tale ufficio non è disponibile nella Regione del richiedente, l’esenzione può essere gestita dall’Agenzia delle Entrate o dall’ACI.

L’Agenzia delle Entrate fornisce un modulo specifico per la richiesta di esenzione dal pagamento del bollo auto, che può essere scaricato per richiedere l’esonero.

Una volta ottenuta, l’esenzione rimane valida negli anni successivi senza necessità di presentare nuovamente la documentazione a meno che non cambino le condizioni di eleggibilità, come nel caso di vendita del veicolo.

In tal caso, è necessario notificare il cambiamento all’ufficio che aveva originariamente concesso l’esenzione.

A chi spetta l’esenzione bollo auto in base alla Legge 104?

Le categorie di persone disabili che possono beneficiare dell’esenzione dal pagamento del bollo auto in base alla Legge 104 includono:

  • Portatori di handicap con capacità motorie permanentemente ridotte o impedite, che richiedono l’adattamento del veicolo, a meno che non si tratti di minori.
  • Individui con grave limitazione della capacità di deambulazione o con pluriamputazioni, che presentano anche un handicap grave certificato da una commissione medica pubblica.
  • Portatori di handicap psichico o mentale grave, che hanno diritto all’indennità di accompagnamento.
  • Sordi, con la specifica condizione documentata da una commissione medica.
  • Non vedenti, con la loro condizione specificamente indicata all’interno del verbale della commissione medica.
  • Persone affette da sindrome di Down, con riconosciuta l’indennità di accompagnamento.
Con la Legge 104 si paga il superbollo
Con la Legge 104 si paga il superbollo: in foto una donna all’interno di un auto al posto di guida.

Quando l’esenzione dal pagamento bollo auto spetta anche ai familiari del disabile?

Le agevolazioni fiscali per i disabili possono essere richieste anche dai familiari che sostengono economicamente la persona con disabilità.

In questo contesto, per avere diritto all’esenzione dal pagamento del bollo auto, è necessario che il disabile sia considerato fiscalmente a carico del familiare.

Ciò significa che il reddito annuo del disabile non deve superare i 2.840,51 euro (comprendendo anche i ricavi generati con collaborazioni occasionali), un limite che viene incrementato a 4.000 euro per i figli disabili fino a 24 anni.

È importante, inoltre, sottolineare che, nel calcolo del reddito per determinare se una persona è fiscalmente a carico, non si considerano i redditi esenti quali pensioni sociali, indennità di accompagnamento, e gli assegni erogati a ciechi civili, sordi e invalidi civili.

Se il reddito del disabile supera questi limiti, le agevolazioni fiscali sono concesse direttamente al disabile e non al familiare.

Di conseguenza, per poter beneficiare di questi benefici, le spese devono essere intestate direttamente al disabile, e nel caso del pagamento del bollo auto, anche il veicolo deve essere registrato a suo nome.

FAQ su con la Legge 104 si paga il superbollo

Chi ha la 104 paga meno di assicurazione auto?

Per chi usufruisce della Legge 104, alcune compagnie assicurative offrono sconti per i titolari di polizze auto se esiste una convenzione con l’Associazione Nazionale Disabili Italiani (ANDI).

Le compagnie che forniscono tali benefici includono Allianz, Cattolica e UnipolSai. Allianz offre assistenza specifica per veicoli adattati, Cattolica applica uno sconto del 15% su RC Auto e Kasko e del 30% su furto e incendio, mentre UnipolSai propone uno sconto del 30% per coperture contro furti, incendi e infortuni al conducente, oltre a sconti aggiuntivi per i soci ANDI.

Chi ha la 104 può prendere la patente?

La Legge 104 non implica automaticamente la necessità di richiedere una patente B speciale. Le persone che usufruiscono di tale normativa possono guidare normalmente un’automobile a meno che la loro disabilità o condizione medica non sia giudicata limitante o pericolosa per la sicurezza stradale, sia per loro stessi sia per gli altri.

Quante macchine posso acquistare con la 104?

È essenziale ricordare che le agevolazioni fiscali sono applicabili a una sola automobile ogni quattro anni. Pertanto, una persona disabile che acquisti un’auto beneficiando delle agevolazioni previste dalla Legge 104 e che decida di acquistare un altro veicolo prima del termine di questo periodo, non potrà usufruire nuovamente delle stesse agevolazioni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulla Legge 104:

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui