Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Comunicazione di fine lavori all’Enea per l’Ecobonus? Inviarla entro 90 giorni è un obbligo, ma se il termine si supera la detrazione non si perde, e l’Agenzia delle entrate non può negare l’agevolazione.

È quanto ha ribadito la Corte di cassazione con la sentenza n. 7657/2024. Una sentenza che precisa che il mancato rispetto dei termini da solo non può far decadere l’agevolazione. E peraltro nel caso trattato la comunicazione c’era stata anche se non completa, in quanto mancava l’Attestato di Prestazione Energetica, che è stato successivamente allegato. A maggior ragione, quindi, le Entrate non potevano negare il diritto alla detrazione, considerando anche che nello stesso anno l’obbligo di invio dell’APE è stato cancellato per diverse tipologie di interventi.

>> Vorresti ricevere news come questa? Clicca qui, è gratis

Da non perdere

I Controlli Superbonus – e-Book in pdf

AGGIORNAMENTI GRATUITI  DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE DEL D.L. 39/2024 (Decreto Superbonus 2024 o taglia cessioni)L’eBook fornisce una guida completa e dettagliata sui controlli del Superbonus, le verifiche dell’ENEA ed dell’Agenzia delle Entrate e le sanzioni previste. L’autrice analizza le tipologie di controllo sui cantieri ancora aperti o già chiusi, le procedure di verifica e le responsabilità dei soggetti coinvolti. L’opera contiene anche il link al sito del MASE con l’elenco dei fabbricati potenzialmente soggetti ai controlli e un’appendice normativa con i decreti e le leggi citate nel testo.IL SUPERBONUS E IL PNRRQuesto capitolo analizza il Superbonus ed il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), i controllori e le regole, le indagini dell’OLAF e gli uffici ministeriali coinvolti.EDIFICI ED ISPETTORIIn questo capitolo vengono fornite informazioni sui cantieri finanziati dal PNRR, le check list ed i verbali utilizzati durante i controlli, la scelta del campione e le fasi della verifica, nonché l’accesso nei cantieri.CONTROLLI DELL’ENEAQuesto capitolo descrive le procedure e le modalità operative dei controlli dell’ENEA, le verifiche preliminari, la scelta del campione ed i documenti da controllare. Si discute anche del tempo a disposizione per completare la verifica, delle ispezioni e della segnalazione immediata per chi si oppone all’accesso.VERIFICHE CATASTALIIn questo capitolo si spiega l’aggiornamento obbligatorio delle informazioni catastali, gli interventi che richiedono la comunicazione, gli impianti ed il cappotto. Vengono anche discusse le sanzioni previste.LAVORI NON CONCLUSIQuesto capitolo affronta l’obbligo di segnalazione alle Entrate per i lavori non conclusi, le opzioni disponibili, il recupero delle detrazioni non spettanti e la responsabilità dei cessionari.COMUNICAZIONE PREVENTIVA PER NUOVI LAVORIIn questo capitolo si discute dei soggetti tenuti alle comunicazioni, dei dati da inviare all’ENEA, delle comunicazioni in materia di sismabonus, delle sanzioni e delle spese nei crateri sismici.SOSPENSIONE DELLA COMPENSAZIONE CREDITIQuesto capitolo fornisce informazioni sulla sospensione della compensazione crediti per chi ha debiti fiscali, compresi gli atti e le cartelle coinvolte.SANZIONI PER I PROFESSIONISTI TECNICIIn questo capitolo si parla delle asseverazioni e della responsabilità penale dei professionisti tecnici, nonché delle multe previste.Lisa De SimoneEsperta in materia legislativa, si occupa di disposizioni normative e di giurisprudenza di interesse per il cittadino. Collabora da anni con Maggioli Editore, curando alcune rubriche on line di informazione quotidiana con particolare attenzione alle sentenze della Corte di Cassazione in materia fiscale e condominiale.

Lisa De Simone | Maggioli Editore 2024

Comunicazione Enea fine lavori: il caso sottoposto alla Corte

La vicenda nasca da una cartella emessa nei confronti di una contribuente che nel 2008 aveva inviato l’APE all’ENEA oltre il termine di 90 giorni dalla fine dei lavori.

L’atto è stato impugnato e la ricorrente ha vinto sia in primo che in secondo grado, in quanto i giudici tributari hanno ritenuto che “l’onere di trasmettere all’ENEA, entro i 90 giorni dalla conclusione dei lavori, l’attestato di certificazione energetica, non costituisse adempimento necessario per potere usufruire della detrazione legata alle spese sostenute per la qualificazione energetica di edifici.”

Per l’Agenzia, invece, si sarebbe trattato di una omissione che avrebbe comportato la decadenza dell’agevolazione, per cui la questione è stata portata di fronte alla Cassazione. E l’Agenzia ha perso.

Nessuna sanzione, nessun obbligo

Nel testo della sentenza, al punto 2.1 si legge infatti che nella vicenda in questione il contribuente non ha omesso, ma ritardato la comunicazione all’ENEA, rispetto al termine previsto.

Ma dal testo delle norme di legge, sottolinea la Cassazione, non si può desumere la decadenza dell’agevolazione “per il mancato rispetto del termine di novanta giorni dalla fine dei lavori previsto dalla norma per l’inoltro della comunicazione all’ENEA”, né si può dedurre da altre disposizioni, né dallo stesso tenore dell’art. 4 del d.m. 19 febbraio 2007 che ha introdotto l’obbligo “in ragione del fatto che di per sé l’espressione ivi adoperata, secondo cui i soggetti che intendono avvalersi della detrazione relativa alle spese per gli interventi di cui all’art. 1, commi 1 e 2, del decreto medesimo, cioè di riqualificazione energetica degli edifici, sono “tenuti” a trasmettere all’ENEA i dati relativi ai lavori eseguiti, senza che alcuna comminatoria espressa di decadenza sia stata stabilita da detta norma, non è sufficiente a determinare un’ipotesi di decadenza, che deve tassativamente evincersi quanto meno in via d’interpretazione sistematica della normativa primaria e secondaria in ragione della finalità per la quale l’adempimento è prescritto”.

E peraltro, sottolinea ancora la Cassazione, va tenuto conto, rispetto alla normativa originaria che ha dettato le regole per la comunicazione all’ENEA, anche del “successivo art. 5, coma 4 – bis del decreto ministeriale del 19 febbraio 2007, come inserito dall’art. 5, comma 1, lett. c) del d.m. 7 aprile 2008, che consente, proprio a partire dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2008, quello oggetto del presente giudizio, al soggetto che sostiene la spesa la possibilità di redigere ed inviare all’ENEA la scheda informativa dei lavori, omettendo l’attestato di qualificazione energetica per determinate tipologie di lavori”.

Quindi in sostanza l’Agenzia non aveva alcun diritto di negare la detrazione in questione per il mancato rispetto di un termine perentorio, a fronte del fatto che da nessuna parte è scritto che il mancato adempimento nei termini comporta, appunto, la perdita dell’agevolazione, e senza tener conto oltretutto delle norme entrate in vigore proprio nel 2008.

Solo un obbligo a fini statistici

Senza dimenticare, aggiunge ancora la Cassazione, che oramai è palese che lo stesso obbligo di comunicazione assolve più che altro a fini statistici come chiarito espressamente “in sede di normativa di rango primario, dal successivo art. 16, comma 2– bis del d. l. 4 giugno 2013, n. 63, in materia di proroga delle detrazioni spettanti in relazione ai costi sostenuti per interventi di riqualificazione energetica, con riferimento alla quale la stessa Agenzia delle entrate, con la Risoluzione n. 46/E del 18 aprile 2019, ha escluso che l’omessa o tardiva comunicazione potesse comportare il diniego di riconoscimento della detrazione”.

Quindi le Entrate hanno avuto sicuramente torto con la cartella del 2008.  Ora come ora è palese che la comunicazione all’ENEA non occorre nell’ambito della detrazione per ristrutturazione per gli interventi di risparmio energetico, e queste indicazioni sono riportate anche nelle istruzioni alla dichiarazione dei redditi.

Per l’Ecobonus, invece, le stesse istruzioni confermano che l’invio della comunicazione è necessario e che in caso di mancato invio si può utilizzare la remissione in bonis che consente di inviare la comunicazione mancante entro i termini di scadenza per la presentazione del modello Redditi.

Consigliamo la lettura dell’e-book

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui