Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Al via le domande di rendicontazione dei ristori del maltempo per le imprese.

E’ stata pubblicata oggi sul sito istituzionale della Regione la documentazione utile per procedere alla rendicontazione dei ristori alle imprese per i danni causati dal maltempo che si è abbattuto su vaste aree del Friuli Venezia Giulia tra il 13 luglio e il 6 agosto dell’anno scorso. Questo passaggio fa seguito alla fase di presentazione delle domande e all’emanazione del decreto di concessione dei ristori, avvenuta a fine marzo, con cui sono state individuate circa 1200 imprese beneficiarie, per un controvalore economico totale di oltre 24,7 milioni di euro.

La procedura è stata ulteriormente semplificata e i beneficiari avranno tempo fino al 30 giugno 2025 per presentare la documentazione relativa agli interventi di ripristino e alle spese collegate. Al pari della domanda di contributo, anche questa procedura verrà gestita attraverso il sistema ‘Istanze on line’. Per ogni impresa è prevista un’unica rendicontazione, a prescindere dal numero di domande di ristoro presentate.

Procedura semplificata anche per la perizia.

La rendicontazione comprende la relazione di dettaglio degli interventi realizzati o, nel caso di liquidazione di contributi di importo superiore a 10mila euro, la perizia asseverata. Tanto per la relazione quanto per la perizia sono stati predisposti appositi fac-simile, pubblicati sul sito istituzionale. Per quanto riguarda la perizia, è stata predisposta una procedura semplificata. Le informazioni andranno infatti presentate in forma standardizzata, più facilmente verificabile in sede di istruttoria. Inoltre, non viene richiesto di allegare la documentazione di spesa, che andrà soltanto custodita presso la sede d’impresa. Dal momento che il modello standard per la perizia è stato predisposto sulla base di quello utilizzato dal dipartimento della Protezione civile nazionale, con la stessa perizia sarà anche possibile accedere agli eventuali ulteriori indennizzi che dovessero essere liquidati dallo Stato.

I requisiti e come presentare la domanda.

La misura è destinata alle imprese (non agricole) e ai professionisti aventi sede legale o operativa attiva nel territorio dei 196 Comuni colpiti nelle ex province di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine, come individuati dal decreto della Protezione Civile del 22 agosto 2023.

Verranno ristorate con un contributo pari al 20% della spesa ammissibile, fino a un massimo di 100.000 euro, le seguenti voci di spesa: ripristino strutturale e funzionale dell’immobile danneggiato; ripristino delle relative pertinenze danneggiate; ripristino di aree e fondi danneggiati, esterni al fabbricato; ripristino o sostituzione di macchinari e attrezzature danneggiati o distrutti; ripristino o sostituzione di impianti relativi al ciclo produttivo danneggiati o distrutti; acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti danneggiati o distrutti; ripristino o sostituzione di arredi dei locali ristoro e relativi elettrodomestici; ripristino o sostituzione beni mobili registrati (veicoli, natanti, velivoli).

Il materiale e le informazioni per la rendicontazione delle spese sono disponibili a questa pagina del sito della Regione.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui