Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   



È in arrivo una nuova era per l’iGaming italiano: l’implementazione della nuova normativa sul Riordino del Gioco Online trasformerà radicalmente il panorama delle scommesse sportive online in Italia.

 

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 78 del 3 aprile 2024, il Decreto n. 41 derivante dalla legge di delega fiscale (articolo 15, legge n. 111/2015) è un provvedimento mirato a una maggior regolamentazione del settore con l’obiettivo di promuovere una maggiore trasparenza nell’offerta e dei bonus benvenuto per ridurre il rischio di comportamenti problematici.

 

Questo decreto comunemente chiamato Decreto PVR (Punti Vendita di Ricarica dei conti di gioco online), analizza in modo dettagliato l’intero settore del gioco online, iniziando con le concessioni e regolamentando in modo preciso i concessionari autorizzati, gli attori della rete di raccolta, i requisiti minimi dei contratti e le operazioni specifiche su cui si baserà il nuovo sistema.

 

Decreto PVR: cosa cambia per le scommesse online

 

Il contenuto del decreto era già in larga parte vincolato da alcune linee guida essenziali precedentemente stabilite dalla Legge di Delega Fiscale del 2023, ma vediamo insieme nel dettaglio le novità principali introdotte da questa normativa.

 

– Limitazioni sulle concessioni: la novità principale di questa manovra è il limite sul numero di concessioni detenibili in contemporanea da un singolo detentore. Se precedentemente si potevano acquisire più licenze in contemporanea, d’ora in poi ogni operatore potrà detenere soltanto un’unica licenza, il cui costo passa a 7 milioni di euro (più), a fronte però di un periodo di validità più lungo di durata massima di 9 anni con esclusione di rinnovo. Si tratta sicuramente di una manovra atta a ridurre il numero di operatori presenti sul mercato italiano.

 

– Fine dei siti “skin”: una prima conseguenza del limite sul numero di concessioni, è il nuovo obbligo imposto ai concessionari di gestire direttamente i propri siti di scommesse e casinò online con dominio nazionale. Il fine ultimo è di eliminare i cosiddetti siti “skin”, ovvero i siti “fotocopia” sub-licenziatari di operatori già presenti e attivi sul territorio, che offrono esattamente gli stessi servizi ma che presentano interfacce grafiche diverse.

 

– Nuove regole per i PVR: più burocrazia per i Punti Vendita Ricarica che dovranno sottostare a nuovi requisiti e ottenere nuove autorizzazioni per poter continuare a operare sul territorio italiano. Le nuove regole prevedono l’iscrizione a un apposito albo e l’adozione di firme digitali per le procedure di deposito e ricarica online.

 

Questo ultimo punto in particolare, è solo il primo passo di un piano più articolato che prevede la riorganizzazione della rete dei negozi concessionari fisici. Dopo anni di produzione normativa selvaggia, i Punti Vendita fisici si sono spesso trovati paralizzati impossibilitati nella gestione e nella raccolta del gioco in diverse parti del territorio italiano.

 

Le preoccupazioni dei giocatori abituali: il nuovo panorama delle scommesse online

 

Le prospettive future dell’offerta di siti scommesse online in relazione alle nuove misure introdotte da questo decreto sono promettenti, con l’implementazione di misure più efficaci per garantire più trasparenza e controllo delle piattaforme di gioco d’azzardo online operanti in Italia.

 

Tuttavia, sono condivisibili alcune critiche da parte degli utenti abituali secondo i quali le nuove direttive sull’acquisizione delle concessioni per poter operare sul territorio italiano potrebbero facilmente costituire un nuovo ostacolo all’ingresso di nuovi brand, magari più innovativi o con offerte più competitive, nel mercato italiano. In particolare l’alto costo delle concessioni, fissato a 7 milioni di euro sarà un requisito che solo gli operatori più grandi e già affermati si potranno permettere: si stima infatti che questa riforma riforma ridurrà sensibilmente il numero dei piccoli e medi operatori di scommesse online, che passeranno da quasi 90 a circa una ventina.

 

Per garantire il successo di riforme come questa, sarà quindi importante affrontare le sfide e le critiche, e continuare a lavorare per migliorare le politiche esistenti, aggiustando la rotta quando necessario, per poter assicurare a tutti un mercato del gioco online non solo più sicuro e trasparente ma anche diversificato

 

Pubbliredazionale



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui