Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Un bonus sulla tredicesima mensilità per i lavoratori a basso reddito e sgravi per le aziende che assumono, soprattutto al Sud: prendono forma le misure che il governo vorrebbe mettere in campo a breve per dare un po’ di sostegno ai lavoratori. Misure che finiranno tutte sul tavolo del Consiglio dei ministri in programma domani, martedì 30 aprile, proprio alla vigilia della Festa dei lavoratori del 1° maggio. All’esame del Consiglio dei ministri c’è anche l’attesa riforma dei fondi di coesione che promette di migliorare “l’assorbimento” delle risorse europee, un terreno molto accidentato per l’Italia che è agli ultimi posti in Europa per spesa effettiva. Sta di fatto che i nuovi interventi saranno prima illustrati ai sindacati, convocati a sorpresa oggi a Palazzo Chigi per ascoltare le novità proprio dalla presidente del Consiglio Giorgia Meloni, in una sorta di riedizione del “decreto 1° maggio” dello scorso anno, il provvedimento che sostituì il reddito di cittadinanza con quello di inclusione, scatenando l’ira delle sigle sindacali.

Rimane l’irritazione dei sindacati per la mancanza di una vera trattativa sui provvedimenti che riguardano i lavoratori. Le norme in questione sono ancora in via di definizione, ma qualche punto fermo si può già mettere. Il viceministro dell’Economia, Maurizio Leo, a margine della conferenza programmatica di Fratelli d’Italia a Pescara, ha assicurato che nel Consiglio dei ministri di domani riuscirà a portare il decreto legislativo sull’Irpef, attuativo della delega fiscale, atteso già la scorsa settimana e poi slittato.

Il nuovo bonus sulla tredicesima

La novità più rilevante (e costosa) contenuta nel decreto legislativo è il bonus sulle tredicesime: nell’ultima bozza veniva definito “un’indennità” fino a 100 euro ai lavoratori dipendenti con un reddito fino a 28mila euro, con coniuge e almeno un figlio a carico. Proprio “a causa della limitatezza delle risorse disponibili”, la misura, spiegava la relazione illustrativa, viene limitata al 2024, nell’attesa dell’introduzione strutturale di un regime fiscale sostitutivo sulle tredicesime per i lavoratori dipendenti. “Ci si sta lavorando, quindi verifichiamo un attimo se ci sono le compatibilità finanziarie. Io sono sempre cauto sulle risorse, quindi dobbiamo fare in modo che una misura che può essere sicuramente di vantaggio per le famiglie abbia le necessarie coperture finanziarie”, ha spiegato il viceministro Leo.

La super deduzione per chi assume e il decreto coesione

Non solo tredicesime. Il governo sta inoltre lavorando al decreto interministeriale che sblocca la “super deduzione” sulle assunzioni prevista dal primo modulo della riforma fiscale. Nello specifico, l’agevolazione prevede una quota deducibile del costo del lavoro pari al 120%, che viene maggiorata al 130% per alcune categorie di lavoratori. Si applica a tutte le imprese e ai lavoratori autonomi. L’altro provvedimento atteso è il “decreto legge coesione”, che riscrive le regole per gli oltre 40 miliardi di fondi europei che vengono assegnati all’Italia dall’Ue ogni 7 anni. E che l’Italia fatica a spendere – è penultima in Europa – a causa di ostacoli burocratici e scarso coordinamento tra amministrazioni. Problemi che, con il rigido cronoprogramma del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), il governo ha già dovuto affrontare e risolvere. Per questo l’idea è di applicare anche ai fondi strutturali le stesse regole di gestione del Pnrr: dalle sanzioni agli enti che non rispettano i tempi dei progetti al coordinamento centralizzato a Palazzo Chigi. Passando per una razionalizzazione della destinazione delle risorse.

L’obiettivo della riforma è “intervenire strutturalmente su alcuni limiti e deficit” delle politiche di coesione del nostro Paese, ha detto il ministro per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto, a margine della conferenza di FdI. Si mette quindi in campo “un modello di governance in grado di rendere efficace ed efficiente l’utilizzo di queste risorse”. Il decreto coesione contiene poi una parte che riguarda il lavoro. È qui che saranno declinati i provvedimenti a cui ha fatto riferimento la stessa ministra del lavoro, Marina Elvira Calderone: sostegni alle aziende che assumono, politiche attive e formazione.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui