Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


In questo approfondimento parliamo di invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni nel 2024 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104categorie protettediritto del lavorosussidiofferte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni 2024: quali sono?

Ti mostriamo subito una tabella riassuntiva, grazie alla quale capirai in un colpo d’occhio cosa è previsto in caso di invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni. Poi andremo a vedere nel dettaglio ogni singolo beneficio:

Invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni 2024: la tabella riassuntiva

Entra nella community, informati e fai le tue domande su YouTube e Instagram.

Nessuna prestazione economica

Il riconoscimento di una percentuale di invalidità civile al 40 per cento non dà diritto ad alcuna prestazione economica.

L’INPS, infatti, eroga trattamenti economici alle persone invalide con percentuale di invalidità superiore al 74 per cento.

L’assegno mensile di assistenza, la pensione di inabilità, l’Assegno ordinario di invalidità (che in realtà è erogato a partire dal 67 per cento di invalidità, ma è necessario anche il requisito contributivo), sono tutte prestazioni che non possono essere ottenute con il 40 per cento di invalidità.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Stessa cosa anche per l’indennità di accompagnamento che, se non lo sai, è un sussidio che viene concesso a chi ha una invalidità al 100 per cento e viene riconosciuto incapace di deambulare o di compiere gli atti della vita quotidiana senza assistenza.

Non hai nemmeno diritto all’iscrizione alle categorie protette e alle liste per il collocamento mirato Legge 68/1999 (inserimento lavorativo), perché è necessaria una percentuale di invalidità pari o superiore al 46 per cento, a meno che tu non appartenga anche a determinate categorie di persone invalide o altre categorie, come vedremo.

Tuttavia, non demoralizzarti. Anche per te sono previsti dei benefici e delle tutele: vediamo in cosa consistono.

Ecco invece cosa spetta a una persona invalida al 46 per cento.

Esenzione parziale ticket sanitario: solo in questi casi

Una persona invalida al 40 per cento può aver diritto all’esenzione parziale ticket, cioè solo per le prestazioni sanitarie correlate alla patologia invalidante, ma soltanto nel caso in cui è:

  • invalido di guerra militare appartenente alle categorie dalla 6° alla 8° (codice di esenzione G02);

Protesi e ausili gratuiti

Per ottenere protesi e ausili gratuiti è necessario che venga riconosciuta un’invalidità pari al 33,33 per cento.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Questo vuol dire, di conseguenza, che se ti è stata riconosciuta un’invalidità del 40 per cento, anche tu hai diritto a richiedere protesi e ausili in maniera gratuita.

Ausili e protesi del SSN dal 2024: cosa cambierà a partire dal 1° aprile 2024? Ecco tutte le modifiche e le introduzioni nell’elenco di ausili e protesi.

Cosa sono le protesi e gli ausili

Protesi e ortesi sono apparecchiature che permettono di sostituire parti del corposupplire o migliorare le funzioni compromesse, come ad esempio le protesi oculari su misura, gli apparecchi acustici, busti e corsetti ecc.

Gli ausili, come ad esempio le carrozzelle o i girelli, sono quegli strumenti utili per compiere azioni altrimenti impossibili o difficili da eseguire.

presìdi, infine, sono oggetti che aiutano a prevenire o curare determinate patologie, come ad esempio il catetere per l’incontinenza, i pannoloni, ecc.

Scopri in modo più approfondito come richiedere ausili e protesi per persone disabili in base alla normativa.

Come richiedere gratuitamente protesi e ausili

L’Azienda Sanitaria Locale fornisce ausili, protesi, ortesi e presìdi agli assistiti dietro prescrizione, ove necessario e in relazione alla disabilità

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La prescrizione può essere formulata solo da un medico specialista che sia abilitato a prescrivere le protesi per la propria area di specializzazione. 

Per ottenere uno dei dispositivi, è però necessario che il medico specialista formuli un piano riabilitativo-assistenziale individuale sulla base delle necessità dell’assistito.

Ecco chi può richiedere l’aumento della pensione di invalidità nel 2024, quale importo si può raggiungere e come ottenerlo.

Iscrizione alle categorie protette: solo in questi casi

Se sei invalido al 40 per cento, non hai accesso immediato all’iscrizione alle categorie protette Legge 68/1999 e alle liste per il collocamento mirato.

Come abbiamo detto, per le persone invalide, l’iscrizione alle categorie protette può avvenire solo se è stata riconosciuta una percentuale di invalidità del 46 per cento.

Tuttavia, ci sono altre categorie di persone che possono beneficiare dell’iscrizione alle categorie protette e quindi dell’inserimento facilitato nel mondo del lavoro, ovvero:

  • le persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio;
  • le vittime del terrorismo, coniugi e orfani di coloro che sono deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, ovvero per l’aggravarsi dell’invalidità derivante da tali cause.

Se fai anche parte di una di queste categorie, anche tu hai diritto all’scrizione alle categorie protette. Vediamo come ci si iscrive alle categorie protette e cosa è previsto.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Invalidità civile e requisiti: a chi spetta l’invalidità civile, quali sono le prestazioni e le agevolazioni associate in base al grado di invalidità e come fare domanda.

Bonus regionali per persone disabili nel 2024
Bonus regionali per persone disabili nel 2024. Nella foto: la scritta “-40%”

Come iscriversi alle categorie protette

Per iscriverti alle categorie protette devi recarti al Centro per l’impiego della tua provincia di residenza. È ovviamente indispensabile avere un documento che accerti il requisito per l’iscrizione.

Ricorda che, nel tuo caso, devi dimostrare di appartenere a una delle categorie di cui ti abbiamo parlato nel paragrafo precedente.

Al Centro per l’Impiego dovrai compilare un modulo per attestare:

  • di avere più di 15 anni;
  • di essere in possesso dei requisiti per legge (con la presentazione della relativa documentazione).

È importante sapere che per essere iscritti nelle predette liste occorre trovarsi in uno stato di disoccupazione.

Puoi conservare lo stato di disoccupazione (in caso di dichiarazione di immediata disponibilità rilasciata precedentemente) anche nel caso in cui svolgi un’attività lavorativa il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo corrisponde a un’imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni spettanti ai sensi dell’articolo 13 del D.P.R. n. 917/1986.

Nel caso del lavoro dipendente, tale reddito è quantificabile in 8.145 euro annui. In caso di attività di lavoro autonomo, il limite esente da imposizione fiscale è, nella generalità dei casi, quantificabile in 4.800 euro annui.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Categorie protette e articolo 8 della Legge 68/99: cosa prevede, chi sono le categorie di invalidi e disabili, a quali tutele hanno diritto.

Invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni 2024 in sintesi

Se hai una capacità lavorativa ridotta al 40 per cento, non hai diritto a molti benefici, ma ci sono comunque alcune tutele a cui puoi accedere.  Innanzitutto, hai diritto a richiedere gratuitamente protesi e ausili.

Non hai diritto a prestazioni economiche come assegni mensili o pensioni di inabilità con questa percentuale di invalidità. L’INPS eroga trattamenti economici solo alle persone con una percentuale di invalidità superiore al 74 per cento.

Anche l’indennità di accompagnamento è concessa solo a coloro che hanno un’invalidità al 100% e sono riconosciuti incapaci di deambulare o di compiere gli atti quotidiani senza assistenza.

Non hai neanche diritto all’iscrizione alle categorie protette e alle liste per il collocamento mirato, a meno che tu non appartenga a specifiche categorie di persone invalide.

L’iscrizione alle categorie protette, infatti, è possibile solo per coloro che hanno una percentuale di invalidità pari o superiore al 46 per cento o se rientrano in specifiche categorie come gli invalidi del lavoro, gli invalidi di guerra, le vittime del terrorismo, i coniugi e gli orfani di coloro che sono deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio.

Per iscriversi alle categorie protette è necessario recarsi al Centro per l’impiego della propria provincia di residenza e compilare un modulo attestando i requisiti necessari.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Inoltre, potresti aver diritto all’esenzione parziale dal pagamento del ticket sanitario, sempre se fai parte di determinate categorie di persone invalide.

FAQ sull’invalidità civile al 40 per cento e agevolazioni

Posso fare domanda per la Legge 104 con il 40 per cento di invalidità?

Sì, anche se hai un’invalidità al 40 per cento, puoi comunque fare richiesta per usufruire dei diritti previsti da questa legge.

La Legge 104, nota anche come Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone con handicap, offre diversi benefici e agevolazioni per le persone con disabilità. Questi includono l’accesso a permessi retribuiti per assistere un familiare con disabilità, l’assegnazione di un accompagnatore per gli spostamenti, agevolazioni fiscali e lavorative Legge 104 e molto altro.

Quindi, anche se hai un’invalidità al 40 per cento, ti consigliamo di fare domanda per Legge 104.

Con il 40 per cento di invalidità possibile chiedere l’aggravamento?

Sì, se la tua condizione di salute peggiora e ritieni che il tuo grado di invalidità sia aumentato, hai la possibilità di richiedere l’aggravamento dell’invalidità, e quindi potresti ottenere benefici più importanti rispetto a quelli concessi con un’invalidità al 40 per cento.

Per richiedere l’aggravamento dell’invalidità esistono procedure specifiche, che prevedono la valutazione da parte di una Commissione Medica. Sarà compito della Commissione valutare la tua situazione clinica attuale e determinare se il tuo grado di invalidità è aumentato.

Posso fare ricorso per invalidità civile?

Sì, se ritieni che la tua richiesta di invalidità civile sia stata respinta o non sia stata valutata correttamente, hai la possibilità di presentare un ricorso.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

In questo modo, potresti aver riconosciuta una percentuale di invalidità maggiore del 40 per cento.

Per fare ricorso per invalidità civile, dovrai seguire una procedura specifica. Sarà necessario presentare la tua richiesta di ricorso contro il giudizio della Commissione medica.

 Sarà importante fornire documentazione medica aggiuntiva o ulteriori prove che dimostrino la tua condizione di salute e l’entità dell’invalidità.

È consigliabile farsi assistere da un avvocato specializzato o da un esperto nel campo delle leggi sull’invalidità civile per guidarti nel processo di ricorso e assicurarti di fornire tutti i documenti necessari per sostenere la tua causa.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’invalidità civile:



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze