Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Quali sono tutte le importanti modifiche e novità sulle regole in condominio al via ora con riforma che entra in vigore? La riforma Cartabia cambia le regole sulla mediazione relativamente a questioni condominiali e amplia i poteri dell’amministratore di condominio riconoscendogli una maggiore autonomia in sede di mediazione civile e commerciale. Vediamo quali sono le novità pronte ad entrare in vigore da fine giugno per il condominio.

  • Quali sono le novità in condominio previste da nuova riforma al via
  • Quali sono le questioni che rientrano nella mediazione condominiale

Quali sono le novità in condominio previste da nuova riforma al via

Secondo le nuove leggi approvate al via, l’amministratore di condominio assume maggiori poteri in procedimenti di mediazione per controversie in condominio.

Stando, infatti, a quanto previsto, se oggi spetta all’assemblea di condominio decidere se intraprendere o aderire ad una procedura di mediazione, e l’amministratore di condominio, una volta ricevuta la notifica dell’invito ad aderire una procedura di mediazione, deve convocare l’assemblea, con la nuova legge avrà pieno potere di aderire alla mediazione senza obbligo di convocazione dell’assemblea.

Prima dell’approvazione della riforma Cartabia, la mediazione poteva essere attivata dall’amministratore solo previa delibera assembleare da assumere con la maggioranza mentre ora l’amministratore di condominio può decidere da solo di attivare un procedimento di mediazione, aderirvi e parteciparvi, informando di tale decisione l’assemblea solo nella fase conclusiva della mediazione stessa.

La nuova legge cambia le norme in vigore che, come stabilito dalla Corte di Cassazione, individuano l’assemblea condominiale come organo principale depositario del potere decisionale, mentre spetta all’amministratore di condominio eseguire le delibere dell’assemblea condominiale. 

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Secondo la legge, la domanda di mediazione deve essere presentata, a pena di inammissibilità, presso un organismo di mediazione ubicato nella circoscrizione del tribunale dove si trova il condominio.

Precisiamo che le novità per la mediazione in condominio riguardanti l’amministratore di condominio hanno effetto dal 30 giugno 2023 e si applicano ai procedimenti instaurati successivamente a tale data. Per i procedimenti antecedenti tale data, valgono le norme precedentemente in vigore.

Quali sono le questioni che rientrano nella mediazione condominiale

Stando a quanto previsto dalle leggi in vigore, rientrano nella mediazione condominiale specifiche questioni per controversie relative all’amministratore, all’assemblea dei condomini e al regolamento di condominio, ma anche questioni inerenti l’impugnazione delle delibere condominiali, la responsabilità dell’amministratore e la sua revoca, nonché le questioni sulle disposizioni relative allo scioglimento del condominio e in materia di riscossione dei contributi condominiali. 

 



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze