Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Nel processo di cognizione di primo grado dinanzi al tribunale in composizione monocratica vengono in sostanza valorizzate le fasi anteriori alla prima udienza e gli adempimenti della prima udienza di comparizione delle parti per definire immediatamente l’ambito e la portata dei mezzi di prova e il thema decidendum.

All’udienza di comparizione delle parti di cui all’art. 183 c.p.c. le stesse devono prendervi parte personalmente per tentare la conciliazione, dopo che il giudice ha interrogato le parti e chiesto i chiarimenti necessari in base ai fatti allegati. La mancata comparizione senza giustificato motivo rappresenta comportamento valutabile ai sensi dell’art. 116 comma 2.

Il giudice all’esito dell’udienza provvede sulle richieste istruttorie fissando l’udienza per l’assunzione delle prove entro 90 giorni, se invece con ordinanza vengono disposti i mezzi di prova, le parti, nei termini che lo stesso stabilirà, potranno dedurre mezzi di prova in risposta ai primi e depositare memoria di replica sempre nel termine assegnato dal giudice.

Fase decisoria, pronuncia e deposito sentenza

Fase decisoria più rapida in virtù di una contingentata rimessione delle cause in decisione (scandita da termini precisi e perentori), sia per le cause di competenza del giudice monocratico sia per quelle di competenza del collegio.

Una volta rimessa la causa al collegio questo avrà 60 giorni di tempo per il deposito della sentenza a partire dall’udienza 189 c.p.c ossia dall’udienza di rimessione dell’istruttore al collegio appunto.
Più contenuti i tempi di pronuncia e deposito della sentenza anche per il tribunale monocratico. Quando la causa matura per la decisione il giudice fissa davanti a sé l’udienza di rimessione della causa in decisione ha segnato le parti i termini di quell’articolo 189 c.p.c. All’udienza trattiene la causa in decisione e la sentenza va depositata entro i 30 giorni successivi.
Se una delle parti lo richiede, il giudice, una volta che ha disposto lo scambio dei suoi iscritti difensivi a norma dell’articolo 189 n. 1 e 2, fissa l’udienza di discussione orale non oltre 30 giorni dalla scadenza del termine per il deposito delle comparse conclusionali. La sentenza viene quindi depositata entro 30 giorni.
Al termine della discussione però se il giudice non provvede ai sensi del primo comma 281 sexies c.p.c (lettura del dispositivo e sentenza) che disciplina la decisione dopo la trattazione orale, deposita la sentenza nei successivi 30 giorni.

Procedimento semplificato di cognizione

Il “procedimento semplificato di cognizione“, applicabile davanti al tribunale in composizione monocratica è esperibile quando:

  • la domanda si fonda su prove documentali;
  • si tratta di una domanda di pronta soluzione;
  • i fatti di causa non risultano controversi.
Questo rito semplificato rispetta comunque la regola del contraddittorio tra le parti, ma ha tempi ridotti e si conclude sempre con la pronuncia di una sentenza.
Per introdurlo si deve presentare un ricorso. Il giudice nel termine di 5 giorni dalla designazione fissa l’udienza di comparizione delle parti. Il convenuto si deve costituire non oltre il termine di 10 giorni anteriori all’udienza con comparsa di costituzione.

Nel corso della prima udienza se il giudice rileva che non vi sono i presupposti per proseguire nella forma semplificata dispone che il procedimento prosegua nelle forme ordinarie, in caso contrario, ossia se ritiene la causa già matura per essere decisa, allora ammette i mezzi di prova che ritiene possano rilevare ai fini della decisione e li assume.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze